Breaking News

“16 marzo – L’ultima notte”, la seconda opera letteraria di Achille Lauro

Il cantante annuncia l’arrivo del suo nuovo libro intitolato “16 marzo – L’ultima notte”, un viaggio inedito alle radici della creatività e dell’ispirazione dell’artista

Le parole affollano di nuovo la mente di Achille Lauro. L’artista, dopo aver pubblicato, nel gennaio 2019, il best seller autobiografico Sono io Amleto, è pronto a raccontarsi in una seconda opera letteraria, in grado di svelare i molteplici aspetti della sua potente personalità. “16 marzo – L’ultima notte” è un viaggio tridimensionale, tra letteratura e poesia, il riflesso dell’anima di un artista straordinariamente multiforme, sempre più eclettico. Il libro, che si può già preordinare, sarà disponibile dal 19 maggio per Rizzoli Editore.

https://www.instagram.com/p/B_7RSQ7oAZy/

Con lo stesso titolo del singolo uscito ad aprile 2020, 16 marzo, questo libro racconta quindi chi è davvero Lauro De Marinis ad oggi. Il cantante trascina sapientemente il lettore in un racconto tra passato, presente e futuro, narrando di stati d’animo, di verità, di visioni, di follia, di consapevolezza e di maturità, di paura e di coraggio.

Nella prefazione, Gino Castaldo sottolinea: «La profonda coscienza dell’essere in cento personalità senza timori e paure carpisce l’essenza stessa dell’uomo moderno, polimorfo e libero di essere centomila esseri in uno e nessuno. La libertà dalle tele degli stereotipi regna in questo ragazzo che ha divorato l’asfalto della strada per ascendere a sentire le trombe angeliche degli arcangeli della Verità». E nella sua prefazione, Alessandro Michele aggiunge: «In un mondo in cui l’identità di genere maschile è ancora purtroppo forgiata da stereotipi che presentano caratteri di violenta tossicità, Lauro offre una possibilità di ripensamento. Questo suo fregarsene, leggero e consapevole, è rigenerante. È prassi poetica, creatrice. È preludio di un futuro che Lauro coltiva in maniera spavalda e giocosa, come un pittore folle che accarezza sogni tremolanti». «Che cosa accade in noi quando un amore ci trasforma, ci violenta, ci intossica a poco a poco come un veleno?L’amore malato si cura con più amore.» riflette l’artista. Lungo le 24 ore del 16 marzo, Achille Lauro grida all’amore, «come tanti già gridarono, piangendo e maledicendo, da Saffo a Prévert.» “16 marzo – L’ultima notte” è stato anticipato dalla sinossi ufficiale, che recita: «Amore, splendida illusione. Poesia scritta male su un foglio stropicciato. Amore come un despota. O una roulette russa. Eppure il Purgatorio è amare e non accorgersene, / l’essere vuoti, / il non provare più nulla: / il “non essere”. L’amore è Inferno e Paradiso. Ci tormenta e ci uccide. Ma è il solo a poterci rigenerare, riportare in salvo. E ad aprirci orizzonti di arte e poesia.»

 

Loading Facebook Comments ...

leave a reply