A Napoli apre i battenti il “Festival delle lezioni di storia”

107

Al festival di Napoli non poteva mancare una lezione sulla visione della storia di Totò

Torna a Napoli “Lezioni di Storia Festival”. Quarantanove appuntamenti, quattordici eventi collaterali, alcuni tra i più noti storici italiani e stranieri che si confronteranno nelle varie sedi del festival: al Teatro Bellini sede principale e al Museo Mann, al Museo Madre, al Conservatorio a Majella, all’Accademia di Belle Arti e al Liceo Vittorio Emanuele II.

Tema di questa seconda edizione della kermess ideata da Editori Laterza con la Regione Campania, “Noi e loro”, sviluppato nelle forme più diverse attraversando letteratura, arte, cinema, fumetti e musica. A Napoli non poteva mancare una lezione sulla visione della storia di Totò di cui parlerà Emilio Gentile e il racconto di John Foot sulla passione dei napoletani per Maradona, perfino quando nei mondiali del ’90 giocò contro l’Italia proprio a Napoli. Si dedicherà un’attenzione speciale a NAPOLI, città di lunga e straordinaria storia, che verrà esplorata attraverso lo sguardo degli stranieri, nella letteratura come nel cinema, da Goethe a Stendhal, da Billy Wilder a Fassbinder ricostruiti da Matteo Palumbo, Antonella Di Nocera e Bruno Roberti. Tra gli ospiti Andrea Giardina, Ivano Dionigi, Eva Cantarella, Elisabetta Vezzosi.

Simona Colarizi, Alessandro Barbero, Paolo Naso, Massimo Montanari, Francesco Remotti, Gianni Mura, Beppe Smorto, Massimo Osanna, Alessandro Marzo Magno, Alessandro Portelli, David Abulafia, Elena Bacchin, Marco Meriggi, Christian Goeschel, Alberto Mario Banti, Luciano Canfora, Alessandro Vanoli, Amedeo Feniello, Mascilli Migliorini, Silvia Ronchey, Aldo Trione, Giovanni Bietti, Vanessa Roghi, Maurizio Virol, Giovanni Vecchi, Carmine Pinto, Gabriella Gribaudi, Domenico Conte, Olindo De NAPOLI, Gennaro Carillo, Luigia Caglioti, Laura Pepe, Antonio Carioti, Giovanni Carletti, Simonetta Fiori, Titti Marrone, Gennaro Carillo, Paolo Frascani, Alessandro Laterza, Maria Teresa Sarpi.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *