Agnone si prepara al  Natale con il rito del fuoco “La ‘Ndocciata”

286

La ‘Ndocciata di Agnone apre, in Molise, le celebrazioni del Natale. Il rito del fuoco più grande del mondo sarà riproposto prima sabato 8 dicembre 2018 (data istituita dopo l’esibizione in Piazza S. Pietro, nel 1995), poi alla Vigilia di Natale.

La ‘Ndocciata, il più grande rito del fuoco ad Agnone

Oltre mille torce di listelli di legno, alte tre metri, disposte a raggiera in numero pari, sfileranno nelle strade della cittadina dell’Alto Molise sulle spalle di centinaia di portatori, in rappresentanza di cinque contrade. Il rito secolare si tramanda da generazioni quando, nel vasto agro di Agnone, alle porte dei casolari si accendevano le ‘ndocce per festeggiare la Natività e guidare i contadini che percorrevano i sentieri di montagna per partecipare alla messa di mezzanotte. Il fiume di fuoco inonderà il corso del centro, all’imbrunire, al suono delle campane della Pontificia Fonderia Marinelli. Apriranno la Ndocciata le torce più piccole, quelle singole portate da bambini e ragazzi, poi gruppi sempre più numerosi fino alla “ruota” da 24 pezzi, del peso di circa 140 kg. Musica ed eventi collaterali riempiono il weekend dell’Immacolata in Alto Molise, che ai turisti offre anche le piste da sci di Capracotta, l’area archeologica sannitica di Pietrabbondante, i percorsi che coniugano benessere e ricette tipiche di Castel del Giudice.

E´una tradizione storica che affonda le radici nell’epoca sannitica, quando i valorosi antenati si spostavano dai loro avamposti militari durante la notte o si trasmettevano messaggi in codice.
La storia delle ´ndocce prosegue fino a noi, con l´avvento del Cristianesimo. In questo periodo servirono ad illuminare i sentieri impervi ai contadini che si recavano in massa ad Agnone per assistere al prodigioso evento della natività… una particolarità riguarda la lunghezza di questa torce che variava a seconda della distanza che divideva la borgata di appartenenza dal centro della cittadina.

Chi ha avuto la fortuna di assistere a questa spettacolare quanto suggestiva processione di fiamme e scintille, racconta di una lunga, interminabile emozione poco descrivibile se non vissuta, per l’appunto dal vivo.

 




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *