AL VIA LA SUCCESSIONE A THERESA MAY, BREXIT: “FUORI DA UE IL 31 OTTOBRE”

118

Boris Johnson, paladino della Brexit, lancia la sua sfida: “Usciremo con o senza accordo”

Fuori dall’Ue il 31 ottobre, con o senz’accordo”. È la parola d’ordine con cui Boris Johnson, paladino della Brexit, lancia la sua sfida per il dopo-May alla guida del partito conservatore e del governo britannico. Lo scrive il Telegraph, citandone le prime parole dopo l’annuncio di ieri delle dimissioni della premier attuale. La corsa parte ufficialmente il 7 giugno, ma Boris sembra guadagnare consensi: persino due ‘colombe’ Tory di spicco come Philip Hammond e Amber Rudd non escludono ora di sostenerlo, stando al Telegraph. – il riferimento dell’ex ministro degli esteri ed ex sindaco di Londra è al 31 ottobre poiché quella è al momento la scadenza dell’ultima proroga (flessibile) concessa da Bruxelles al Regno Unito sui termini dell’uscita (in teoria previsto per il 29 marzo scorso) in seguito alla mancata ratifica da parte di Westminster di un divorzio concordato. In teoria, sulla base di quanto già approvato in passato dal parlamento britannico sulla notifica dell’articolo 50 e con la legislazione allegate, un futuro governo potrebbe decidere di procedere il 31 ottobre a un’uscita ‘no deal’ senza sottoporsi a un nuovo voto dell’aula. E Johnson, con le sue parole, fa capire d’essere pronto a seguire questa strada se entro quella scadenza non sarà possibile far passare un accordo gradito a tutti. “Ho parlato con Boris di questo un paio di settimane fa – ha commentato il ministro per la cooperazione internazionale, Rory Stewart, uno dei suoi rivali moderati per il dopo May – e mi aveva assicurato di non voler spingere per un no deal. Ma ora sembra essersi espresso proprio per il no deal”. Theresa May “ha fatto bene a dimettersi”, la premier “ha ora accettato quello che il Paese sapeva da mesi: che non può governare e neanche (guidare) il suo partito diviso e disintegrato”. È quanto afferma il leader laburista britannico Jeremy Corbyn in una nota, nella quale chiede la convocazione di elezioni anticipate. “Le brucianti ingiustizie che aveva promesso di affrontare tre anni fa adesso sono ancora più forti – ha attaccato Corbyn – Il Partito conservatore ha fallito completamente sulla Brexit ed è incapace di migliorare la vita delle persone o di affrontare le loro necessità più urgenti”. Secondo il leader laburista, “il Parlamento è bloccato e i conservatori non offrono alcuna soluzione alle altre principali sfide del nostro Paese: l’ultima cosa di cui il Paese ha bisogno sono settimane di scontri interni ai conservatori, seguite da un altro premier non eletto”. “Chiunque diventi il nuovo leader conservatore – ha concluso Corbyn – deve permette al popolo di decidere il futuro del nostro Paese, attraverso immediate elezioni generali”.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *