BASKET: MONDIALI, ITALIA ELIMINATA DOPO KO 67-60 CON LA SPAGNA

35

L’Italbasket è eliminata dal Mondiale di Cina 2019

Sconfitta con la Spagna per 67-60 nella prima delle due gare in programma di qualificazioni ai quarti di finale. La squadra di Sacchetti dice così addio ai propri sogni di gloria, rendendo vana anche la prossima sfida con Portorico che sarà quindi l’ultimo inutile appuntamento italiano della spedizione asiatica. L’inizio di gara è tutto a favore dell’Italia, che con una difesa ai limiti della perfezione costringe la Spagna a 7 palle perse in meno di 7 minuti: il risultato è che gli azzurri volano a +10 in un amen, poi però bastano 3 minuti di leggerezza e un impatto divino Sergio Llull sul match (7 punti e 2 assist in un amen), per far sì che la nazionale giallorossa riesca a chiudere il primo quarto sul 18-18. Gli spagnoli salgono di ritmo, la squadra di coach Sacchetti invece perde lucidità offensiva e va sotto nel punteggio per la prima volta. Ma prima dell’intervallo un altro paio di sussulti di Gallinari riportano avanti gli azzurri, che all’intervallo conducono di una lunghezza (31-30).

Il terzo quarto inizia nel nome di Juancho Hernangomez, che infila 7 punti consecutivi e permette alla Spagna di riprendere la testa della gara. Soltanto la classe di capitan Datome e la lucidità di Gallinari (12 punti a testa) tengono l’Italia aggrappata con le unghie al match, nonostante un po’ di appannamento su entrambi i lati del campo. Tra mille sofferenze gli azzurri sono vivi ed entrano negli ultimi 10′ di gioco con solo 2 punti da recuperare (48-50). Nell’ultimo e decisivo quarto periodo è una battaglia infinita da una parte e dall’altra del parquet, seppur non segni praticamente piùnessuno (5-2 il parziale azzurro in poco più di 5 minuti). La tensione è alta e la palla inizia a pesare parecchio, l’Italia non attacca più come dovrebbe e subisce il contro parziale iberico che riporta i giallorossi a +6 con un solo minuto residuo sul cronometro. La rimonta azzurra è impossibile, l’Italia perde 67-60 e saluta amaramente il Mondiale.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *