Breaking News

BIMBI CON IL CANCRO, ARRIVA “TOMMI” VIDEOGAME ANTISTRESS.

Un gioco antistress per i bambini malati di cancro. Loro hanno bisogno di un supplemento di amore, di calore che riscalda e scioglie i nodi dal petto. E, così, da oggi ci penserà “Tommi” il loro nuovo compagno. Creature magiche che appaiono e scompaiono, per mettere a prova la memoria, bacchette magiche con cui colorare draghi volanti, fiabe virtuali per necessità. Stiamo parlando del primo videogioco per bambini oncologici. A testarlo sono i piccoli pazienti dell’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, ma l’obiettivo è quello di portare il progetto anche in altri ospedali italiani.

I bambini oncologici avranno la possibilità di ridurre stress, ansia e dolore giocando con creature magiche.

Per consentire al personale medico di familiarizzare con la tecnologia, e valutare futuri percorsi di validazione scientifica del suo impatto e, soprattutto, per migliorare la qualità di vita dei bimbi malati riducendone stress, ansia e dolore con draghi e creature incantate. Creato dalla start up italiana Softcare Studios – premiata dalla Commissione Europea come miglior start up di e-health in Europa durante la finale degli Startup Europe Awards a Sofia, in Bulgaria, Tommi ha fatto il suo ingresso nel reparto di Oncoematologia pediatrica del Regina Margherita, diretto dalla professoressa Franca Fagioli, grazie alla collaborazione con l’Associazione Dear Onlus e il supporto della Fondazione Amici di Jean. Secondo il team di giovani professionisti che l’ha progettato, il videogioco consente di distrarsi dall’ambiente ospedaliero, immergendosi in uno scenario digitale. E coinvolgendo anche i parenti, così da ritrovare momenti di spensieratezza e di complicità. Un’alternativa sicura e non invasiva per ridurre l’uso dei farmaci sedativi o antidolorifici impiegati di norma per calmare i giovani pazienti durante le procedure mediche. La realtà virtuale rilassa i pazienti, li calma, contrastando così le emozioni negative della terapia, che impattano sulla loro psiche e sul loro stato di salute fisico. “Tommi” testa e analizza le performance psicomotorie, fornendo ai medici uno strumento innovativo per monitorare le condizioni di benessere dei pazienti, anche da remoto. Ogni sfida è infatti pensata anche per mettere alla prova il bambino, testando le sue abilità, che possono essere di interesse per il decorso della terapia.
Nel mondo dell’innovazione digitale, Tommi ha già ottenuto numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero, in particolare in Germania, Usa e Danimarca, dove la start up ha da poco aperto la sua seconda sede.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply