BIOLOGI, PISCOPO (ABE): “DE LUCA INTERVENGA PER STABILIZZARE I PRECARI. IN CAMPANIA SERVE UN CONCORSO REGIONALE”

71

È un vero e proprio appello quello lanciato dall’Associazione Biologi Europei al presidente della giunta regionale della Campania, affinché si proceda con la stabilizzazione dei precari.

È Vincenzo Piscopo, presidente nazionale dell’Abe, a chiamare in causa il governatore Vincenzo De Luca. E lo fa con una lettera aperta, indirizzata ai vertici di palazzo Santa Lucia, nella quale viene spiegata, con dovizia di particolari, la situazione “paradossale” che riguarda alcune decine di biologi rimasti “disoccupati, per molti anni, per la nota questione del blocco delle scuole di specializzazione dell’area sanitaria e per la triste storia del blocco del turnover che ha interessato la nostra regione”. “Costoro – scrive Piscopo – dopo un lunghissimo periodo di sofferenza professionale, hanno finalmente trovato uno sbocco dignitoso. Si sono sottoposti a una procedura selettiva pubblica e sono finalmente entrati nel mondo del lavoro.

Le Aziende Sanitarie li hanno formati investendo tempo e denaro pubblico. È appena il caso di sottolineare che, dalla disamina dei dati, si ricava che i biologi di ruolo del SSR hanno un’età media di circa 60 anni e che gli organici attuali sono molto carenti in conseguenza del blocco del turnover che è durato una ventina d’anni, per cui, anche volendo stabilizzare tutti i precari, rimarrebbero dei grandissimi vuoti negli organici delle Aziende Sanitarie”. “Inoltre – ribadisce ancora il presidente dell’Associazione Biologi Europei – bisogna prendere atto che, in conseguenza delle sopra citate criticità politico-gestionali, la maggiore parte dei concorsi pubblici per biologi della nostra regione, genera, molte volte, il ricorso all’Autorità giudiziaria con la scontata conseguenza che quei pochi concorsi pubblicati non vedranno mai la conclusione”.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *