CALDO. AL VIA LA PRIMA PROVA COSTUME, UN ITALIANO SU 4 È A DIETA

47

Un italiano su 4 è a dieta sondaggio della coldiretti: tanti insoddisfatti, il 46% è fuori forma

Un italiano su quattro (25,6%) si è messo a dieta per prepararsi alla prima prova costume dell’anno, ritardata da un mese di maggio insolitamente freddo e piovoso. È quanto emerge da un sondaggio online sul sito www.coldiretti.it in occasione del primo weekend di giugno con temperature fino a 30 gradi. Dopo una lunga attesa, milioni di italiani hanno deciso di trascorrere il proprio tempo libero in costume in piscina, nei laghi o al mare dove hanno riaperto tutti gli stabilimenti balneari per godersi il primo caldo prima dell’estate. La prima occasione per verificare i risultati di un duro ‘lavoro’ fatto da molti a tavola e nelle palestre particolarmente affollate prima dell’estate. Un confronto con la realtà che – sottolinea la Coldiretti – trova però molti italiani insoddisfatti della propria forma fisica: più di un terzo della popolazione maggiorenne (35%) e’ in sovrappeso, mentre poco piu’ di una persona su dieci e’ addirittura obesa (11%), per un totale di 46% dei soggetti fuori forma, secondo Osservasalute. Se, continua la Coldiretti, è scontro tra le diverse proposte dei dietologi per affrontare il sovrappeso, sono invece unanimemente riconosciuti i benefici della dieta mediterranea. Con l’arrivo del caldo si assiste in particolare ad un aumento del consumo di frutta e verdura favorito anche dalla disponibilità di tecnologie casalinghe low cost, dalle centrifughe agli essiccatori che aiutano a far apprezzare cibi salutari anche ai più piccoli. Un vero boom per smoothies, frullati e centrifugati a casa, al bar e in spiaggia. Pane, pasta, frutta, verdura, extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari hanno consentito agli italiani, conclude la Coldiretti, di conquistare fino ad ora il record della longevità con una vita media di 80,8 anni per gli uomini e di 85,2 per le donne, tra le più elevate al mondo.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *