CALDO: COME DIFENDERSI, ECCO I CONSIGLI DEL MINISTERO DELLA SALUTE

73

Come vestirsi, cosa mangiare, dove stare, quando uscire, come utilizzare ventilatori e condizionatori.

Per ‘sopravvivere’ all’ondata di calore che avrà il picco tra domani e venerdì, quando ci saranno rispettivamente 13 e 14 città da ‘bollino rosso’, ecco i 18 consigli del ministero della Salute: – consulta ogni giorno il Bollettino della tua città; – evita l’esposizione diretta al sole nelle ore più calde della giornata (tra le 11 e le 18); – evita le zone particolarmente trafficate, ma anche i parchi e le aree verdi, dove si registrano alti valori di ozono, in particolare per bambini molto piccoli, gli anziani, le persone con asma e altre malattie respiratorie, le persone non autosufficienti o convalescenti; – evita l’attività fisica intensa all’aria aperta durante gli orari più caldi della giornata; – trascorri le ore più calde della giornata nella stanza più fresca della casa, bagnandoti spesso con acqua fresca; – utilizza correttamente il condizionatore.

Se hai solo il ventilatore utilizzalo seguendo alcuni accorgimenti (leggi l’opuscolo ‘Come migliorare il microclima delle abitazioni’); – trascorri alcune ore in un luogo pubblico climatizzato, in particolare nelle ore più calde della giornata; – indossa indumenti chiari, leggeri, in fibre naturali (es. cotone, lino), riparati la testa con un cappello leggero di colore chiaro e usa occhiali da sole; – proteggi la pelle dalle scottature con creme solari ad alto fattore protettivo; – bevi liquidi, moderando l’assunzione di bevande gassate o zuccherate, tè e caffè. Evita, inoltre, bevande troppo fredde e bevande alcoliche; – segui un’alimentazione leggera, preferendo la pasta e il pesce alla carne ed evitando cibi elaborati e piccanti; consuma molta verdura e frutta fresca. Fai attenzione alla corretta conservazione degli alimenti deperibili (es. latticini, carne) in quanto elevate temperature possono favorire la proliferazione di germi patogeni causa di disturbi gastroenterici.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *