CAMPANIA IN ALLERTA CORONAVIRUS, DE LUCA: “DA DOMANI PRONTI PER I TEST AL COTUGNO DI NAPOLI”

90

Smentita l’ipotesi che i due cinesi “positivi” al Coronavirus siano stati a Sorrento

Il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca ha annuncia: “Da domani (oggi, ndr) i test per il coronavirus disponibili anche all’ospedale Cotugno”. De Luca ha anche spiegato che “il problema c’è, è delicato, ma non deve portarci davvero a situazioni di psicosi”. Smentita l’ipotesi che i due cinesi “positivi” ai test siano stati a Sorrento. Dunque da oggi sarà possibile fare i test diagnostici per il coronavirus anche all’ospedale Cotugno di Napoli. Lo ha annunciato il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca (Partito Democratico), che ha anche spiegato che in questo modo sarà possibile evitare di inviare i campioni a Roma dove, al momento, si trova la clinica Spallanzani che si sta occupando dei test approfonditi e riservati ai casi “sospetti”.

Il presidente della regione è intervenuto nel suo consueto appuntamento su LiraTV. “La situazione è delicata, e presenta aspetti di notevole preoccupazione, ma dobbiamo evitare di creare un clima di psicosi nel paese”, ha aggiunto De Luca, “abbiamo deciso di centralizzare le informazioni per evitare la circolazione di notizie, a volte, inventate e irresponsabili. Siamo pronti, e credo che già da domani saremo in grado di avere i test per individuare eventuali contagi direttamente nelle nostre strutture, senza mandare i campioni di sangue allo Spallanzani. Siamo in grado di fare al Cotugno, tranquillamente, i nostri test. Abbiamo le condizioni per governare un problema che c’è, che è delicato, ma che non deve portarci davvero a situazioni di psicosi”, ha sottolineato ancora De Luca. Nelle ultime ore, si sono registrati i primi due casi di coronavirus in Italia, riscontrato in due turisti cinesi: inizialmente, si era detto anche che i due fossero passati per Sorrento, ma subito dopo era arrivata una smentita ufficiale direttamente dal sindaco sorrentino Giuseppe Cuomo.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *