Breaking News

Come ripartirebbe il basket con le regole anti-Covid

La Pallacanestro italiana è in via di ripresa, dopo la sospensione delle attività per l’emergenza Covid. Secondo quanto riferisce SuperBasket Daily, sarebbero pronti i protocolli per la ripresa degli allenamenti delle società non professionistiche dei campionati nazionali (A2 e B maschile e A1 e A2 femminile) e di tutta l’attività regionale senior e giovanile.

Il documento inviato lo scorso 31 luglio dall’Ufficio Sport del Ministero della Salute, esclude test e tamponi per la ripresa dell’attività e la creazione del “Team Squadra”. al di là dell’esame di idoneità sportiva, indispensabile per regolamento, basterà un’autocertficazione sottoscritta attestante l’assenza di sintomi di Covid e della conoscenza dei rischi di contagio, da consegnare al medico sociale o al referente Covid che ogni società dovrà nominare. E durante l’attività si seguirà una sorta di “automonitoraggio clinico” individuale.

Previste tutte le pratiche di sanificazione di impianti e materiali prima e dopo gli allenamenti, e la necessità di distanziare le sedute di 10 minuti per non far incontrare il turno uscente ed entrante; sul campo potranno stare fino ad un massimo di 16 atleti e il contatto fisico è consentito nelle regioni che hanno dato via libera agli sport che lo prevedono con apposite ordinanze. Previsto l’obbligo di mascherina per gli allenatori e la misurazione della febbre all’ingresso in palestra. Chiuse le parti comuni degli impianti a partire da spogliatoi e docce, infine prevista la necessità di utilizzare scarpe riservate all’attività in palestra da cambiare all’uscita, con divieto di accesso per gli accompagnatori degli atleti. Si ipotizza, inoltre,  una ripresa con massimo 125 persone ammesse negli impianti tra delegazioni dei club, arbitri e ufficiali di campo, media ed operatori sanitari e di sicurezza.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply