Covid: Brusaferro, presto per parlare di quarta dose 

Breaking News

Siamo ancora in pandemia, in una fase di crescita molto significativa dei contagi di cui non si prevede il picco e l’endemizzazione del virus è uno scenario possibile, ma non attuale.

Lo dice in un’intervista a “La Stampa” Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità e membro del Cts. “Invece di discutere su cosa succederà bisogna guardare i dati e prepararsi a eventuali novità con coperture vaccinali, farmaci e monitoraggio” aggiunge. La terza dose, intanto, “protegge molto bene dalla malattia grave, se ne sta studiando la durata ed è presto per parlare della quarta”. Siamo “in una nuova fase caratterizzata dalla variante Omicron arrivata all’80 per cento dei contagi e da quasi il 90 per cento della popolazione vaccinata. Questa combinazione, nonostante la crescita dell’infezione molto significativa e l’impatto notevole sul servizio sanitario, rende il quadro meno grave di quanto sarebbe stato senza vaccini e misure in atto” precisa. C’é un rallentamento della crescita della curva “su cui essere cauti e da confermare, perché molte Regioni hanno segnalato difficoltà a riportare i dati”.

Le terapie intensive “sono piene al 17 per cento di pazienti Covid e i reparti ordinari al 27. Dati in crescita, che indicano la necessità di riorganizzare gli ospedali dilazionando altre prestazioni”. Per convivere più serenamente “col virus dobbiamo anche occuparci del resto del mondo, supportando i Paesi piu’ fragili nella produzione e nella logistica dei vaccini”. Dopo tre dosi non contagiarsi ha ancora un valore perché “la protezione non è mai totale e si evita di trasmettere il virus soprattutto ai più fragili”. Nel contare i numeri della pandemia “si possono variare degli indicatori, ma la classificazione dei casi va mantenuta perché ci aiuta a capire cosa succede e quali misure prendere”. Le zone colorate hanno ancora senso “perché si intensificano in base alla saturazione degli ospedali costituendo un’allerta per un territorio”.

 


Loading Facebook Comments ...

leave a reply