Breaking News

DELUSIONE NAPOLI, L’ARSENAL VINCE 2-0 ALL’EMIRATES STADIUM

Il Napoli si fa trovare impreparato all’esame più importante della stagione. Giovedì 18 ritorno al San Paolo

All’Emirates Stadium, l’Arsenal batte il Napoli 2-0, portandosi in una situazione estremamente favorevole in termini di passaggio del turno. Un Napoli molto deludente nel primo tempo, che fin da subito subisce il gioco dell’Arsenal. I gunners vincono ogni duello fisico, creando anche tante occasioni, molte di queste grazie a causa di palle perse dal Napoli in fase di impostazione. A sbloccare la partita è Ramsey al 14esimo. Mario Rui perde ingenuamente il pallone a centrocampo, innescando il contropiede orchestrato da Lacazette, che con un tunnel a Koulibaly appoggia a Maitland-Niles abile nella sponda per il gallese, che insacca di piatto. Dopo circa 10 minuti, al 25esimo, arriva il raddoppio in maniera abbastanza fortunosa. Torreira con una finta si libera troppo facilmente di Fabian Ruiz, il suo tiro da fuori viene deviato da Koulibaly, beffando così Meret. Nel finale, al 40esimo, il Napoli spreca la sua migliore occasione. Cross basso di Callejon, Insigne a rimorchio mette altissimo.

A inizio ripresa gli azzurri iniziano a giocare con più determinazione, cercando di rimontare o almeno diminuire il doppio vantaggio, non creando però occasioni veramente pericolose, a causa degli ancora troppi passaggi sbagliati. È anzi l’Arsenal in contropiede ad arrivare alla conclusione, trovando però un attento Meret. La più grande occasione per gli uomini di Emery è al 69esimo: Kolasinac dalla sinistra crossa verso Maitland-Niles che tira al volo, Meret compie un autentico miracolo. Dopo 3 minuti arriva una grandissima occasione per il Napoli: Insigne con un gran pallone mette Zielinski da solo davanti a Cech, il polacco in scivolata si divora il gol del potenziale 2-1. I tre cambi di Ancelotti non servono a cambiare la partita, anzi nel finale i gunners hanno altre occasioni per fare il tris. Prima Ramsey all’80esimo spara alto un rigore in movimento in un’occasione simile a quella di Insigne nel primo tempo. Poi Aubameyang a due minuti dal 90esimo al termine di una bella azione corale da solo con il destro mette fuori. Gli azzurri si svegliano troppo tardi e perdono meritatamente. Al San Paolo tra una settimana servirà una prestazione maiuscola per ribaltare il risultato, un gol avrebbe reso il tutto molto più facile.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply