Breaking News

Disgelo Italia-Ue, Juncker: “Facciamo progressi”

Conte ottimista sulla possibilità che l’Italia non subisca procedure di infrazione

Il premier Giuseppe Conte ottimista sulla possibilità che l’Italia non sia sottoposta alla procedura di infrazione. “Stiamo facendo progressi”, ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker in una conferenza stampa a Buenos Aires a margine del G20. Poi ha aggiunto: “Non si deve drammatizzare la questione dell’ipotesi di infrazione all’Italia”.  

Juncker  ha poi concluso: “Non siamo in guerra con l’Italia, l’atmosfera è buona”, ha assicurato rispondendo a una domanda sulla trattativa sulla manovra. “Siamo con l’Italia – ha aggiunto – se l’Italia è con noi”. “Sono sempre ottimista se no non mi sarei neppure seduto al tavolo e non sarei andato a Bruxelles”, ha detto il premier Conte replicando a una domanda sulle parole del ministro dell’Economia, Giuseppe Tria, che si è detto fiducioso sulla possibilità di evitare la procedura di infrazione europea sulla manovra. “Lo sono anche io”, ha aggiunto. “La manovra? Io penso che gli italiani debbano aspettarsi una manovra importante che rispetti le promesse fatte in campagna elettorale. Stiamo cercando di capire a che gioco partecipare, se assestarci al 2,4 del rapporto deficit/pil o a un 2,2 o ancora ad un 2 come chiede l’Europa.

Il nostro obiettivo era un 2,4, ma se vuoi ragionare con l’Europa devi sederti al tavolo e trattare. Io penso che il premier Conte, Salvini, Di Maio e Tria, nelle prossime ore ci diranno quale è il punto di caduta”, è il commento di Gian Marco Centinaio, ministro dell’Agricoltura e Turismo, oggi a Cingoli dove ha inaugurato il nuovo magazzino dinamico presso gli stabilimenti Fileni, gruppo leader nella produzione di carni bianche biologiche. “Tra i giovani fare agricoltura non è più demodé  – ha sottolineato il ministro – sempre più i laureati che entrano nel settore o che subentrano nelle aziende del loro genitori, per questo sono a disposizione 70 milioni di euro”.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply