Breaking News

GEVI NAPOLI BASKET, GUARINO: «VINCERE AIUTA A VINCERE»

Il regista classe ’79: «Non possiamo accontentarci, poiché siamo ancora fuori dalle posizioni che contano».

La GeVi Napoli Basket ha cambiato i connotati alla propria stagione, inanellando dieci vittorie consecutive nel girone D di Serie B Old Wild West. Tra i principali protagonisti di  questa scalata ai vertici della classifica spicca il playmaker classe ’79, Francesco Guarino. Il capitano dei partenopei, che guida sapientemente i suoi in cabina di regia, mettendo tanta grinta sul parquet, ci ha raccontato le sue aspettative sul prosieguo dell’annata, nonché le elevate ambizioni del sodalizio di patron Grassi in un’intervista esclusiva ad Hashtag 24 News.

In che modo siete riusciti a cambiare volto?

«La squadra c’era. Abbiamo avuto bisogno di un po’ di tempo per conoscerci bene. La società era al corrente delle nostre carenze ed ha aggiunto due pedine importanti, che ci hanno reso la vita più facile. Bagnoli e Chiera sono sprecati in questa categoria. Coinvolgendoli nei nostri meccanismi, è venuto tutto più semplice».

Contro l’In Più Broker Roma avete carburato alla distanza, complice un po’ di stanchezza. Come siete riusciti a piazzare subito il mostruoso break di 0-19?

«Siamo partiti in maniera soft. Sapevamo di non essere quelli, dovevamo soltanto iniziare a giocare. Pur non avendolo fatto nel primo tempo, siamo andati all’intervallo lungo sul -7 (44-37). Abbiamo acquisito grande maturità, facendo un grosso salto di qualità. Riusciamo a comprendere che gli incontri durano 40′, non perdendo la testa. D’altronde, vincere aiuta a vincere».

I giovani, pur essendo molto talentosi, devono accrescere la consapevolezza di poter essere importanti, anche se scendono sul parquet per pochi minuti?

«I giovani non riescono a comprendere determinati aspetti. Non gioca solamente chi è dotato di grande talento. L’esempio è sotto gli occhi di tutti: Molinari fa la differenza grazie alla sua cazzimma. Basterebbe avere la voglia di mangiarsi il parquet, di mangiarsi gli avversari. I nostri ragazzi devono compiere questo step in avanti».

Dopo la sosta ospiterete la Special Days Virtus Valmontone. Quali insidie nasconde questa partita?

«Bisogna prendere questa gara molto seriamente. Ultimamente i laziali stanno mettendo in seria difficoltà molte squadre blasonate. Vanno rispettati, ma non possiamo accontentarci, poiché siamo ancora fuori dalle posizioni che contano. Dobbiamo proseguire la nostra cavalcata».

Che obiettivo vi ponete in termini di piazzamento nella griglia dei playoff?

«Vorrei arrivare assolutamente tra le prime quattro per avere il fattore campo nel primo turno, pur sapendo che non è semplice, poiché non possiamo permetterci passi falsi. Poi, ai playoff bisogna arrivarci bene dal punto di vista fisico e mentale. Non è importante il piazzamento, ma come arrivi alla post-season».

Loading Facebook Comments ...

leave a reply