Breaking News

GeVi Napoli: Domenica l’esordio a Roma, tra tabú e nuove regole la grande voglia di patron Grassi.

I partenopei sfideranno i padroni di casa dell’Eurobasket; il Presidente “Dopo tre anni, speriamo di sfatare il tabú della vittoria alla prima giornata”.

Finalmente ci siamo: tra rinvii, protocolli, tamponi, controversie e poco basket giocato la stagione vera e propria comincia questo fine settimana. La GeVi, reduce dalla prima settimana tipo di allenamenti, scenderà in campo sul parquet dell’Eurobasket Roma per testarsi contro i padroni di casa, ma anche per verificare i miglioramenti fisici dopo una corsa folle per recuperare il tempo perduto per la sospensione degli allenamenti a causa del covid. Ci sarà, come ci aveva preannunciato, Diego Monaldi, che ha recuperato dalla distorsione alla caviglia rimediata nella sfida di Supercoppa contro San Severo. Sarà anche l’occasione di ritrovare Dario Molinari, entrato quest’anno nello staff tecnico della società capitolina.

Pieno di entusiasmo, nonostante le difficoltà, il Presidente Grassi, tra l’altro fresco di nomina a Vicepresidente del consiglio direttivo di Lega, con delega al settore giovanile:

Finalmente si parte – ha dichiarato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli – Sicuramente è un momento molto complicato, ma sono del parere che iniziare i Campionati sarà fondamentale in quanto, in caso di fermo, tutto lo sport minore rischierebbe davvero la fine, e tutto diventerebbe più difficile.

Nel corso dell’intervista alla radio ufficiale, il patron azzurro ha anche parlato del nuovo regolamento, proiettando future evoluzioni a partire dalla fine del girone d’andata molto simili a quelle che, a noi, aveva prospettato Daniele Sandri riguardo alla Serie A: “Ci sono comunque passi da fare complicati. Con il lavoro che stiamo facendo in lega si cerca di far pervenire finanziamenti a tutte le società, poiché davvero ci sono difficoltà ovunque. La mancanza di tifosi sta causando una complicazione ulteriore. Dobbiamo però ragionare da imprenditori, in maniera logica, facendo si che lo sport possa continuare. Il primo step sarà sicuramente finire il girone d’andata ed ottenere una prima classifica che sarà molto importante. Ovviamente proveremo a completare tutta la regular season, sperando di dover recuperare quante meno partite possibili. La fase ad orologio sarà subordinata alla disponibilità temporale”.

Infine Grassi ha chiosato sul match dei suoi previsto nel pomeriggio di domenica e sulla recente nomina nel consiglio direttivo: “Per quanto riguarda l’esordio di domenica prossima contro l’EuroBasket Roma, sarebbe bello sfatare il tabù che, in tre anni di Presidenza, non ci ha mai visto vincere la prima giornata di Campionato. Il progetto della Gevi Napoli Basket è molto ambizioso, l’obiettivo è arrivare fino in fondo per giocarci le nostre carte in chiave promozione. Ci tenevo molto ad entrare nel direttivo di Lega, ed inoltre sono molto contento di aver ricevuto la delega sul settore giovanile, un argomento a cui tengo davvero tanto.”

 

L’AVVERSARIO

L’Eurobasket Roma si presenta ai nastri di partenza con la consapevolezza di dover lottare per la salvezza. Scelta classica nei due ruoli USA, guardia e centro, ma con qualche incognita dovuta al fatto che per Roberto Gallinat è la prima esperienza assoluta in Europa. La guardia classe ’96 è la scommessa di coach Pilot per mantenere la categoria: tipica shooting guard americana, vuole tanto il pallone anche quando non è serata, fattore che può essere deleterio in certi casi – soprattutto se devi salvarti – ma che, d’altra parte, offre un go to guy senza paura di prendersi responsabilità ai compagni; Olasewere, che torna in riva al Tevere dopo l’esperienza alla Virtus nel 2015-16, è più sperimentato, viste le ripetute apparizioni nella serie cadetta anche ad Orzinuovi, Rieti e Treviglio, seppur in Lombardia la sua permanenza sia stata assai breve. Pivot bidimensionale, capace di colpire anche dall’arco, è apparso, però, un po’ leggerino a rimbalzo, patendo spesso e volentieri i dirimpettai. La regia è affidata a Fanti e l’ex Scafati Romeo, mentre suscita curiosità l’affacciarsi in A2 di Cepic, già l’anno scorso dato in orbita Napoli ma finito, poi, alla Stella Azzurra Roma in B. La stagione capitolina è iniziata, in Supercoppa, con l’eliminazione nella fase a gironi, frutto di due sconfitte in tre gare, ma con la soddisfazione di essersi portata a casa il primo derby dell’anno contro i cugini della Stella Azzurra, mettendo in mostra un ottimo Bucarelli, oltre ai due USA, apparsi molto in palla ma da verificare ora che la palla scotterà molto di più.

 

L’ULTIMO PRECEDENTE

Dolorosa l’ultima in casa dei capitolini per la Gevi. Gli uomini di Sacripanti, nonostante l’assenza di un americano dei padroni di casa, uscirono sconfitti dal palasport di Cisterna di Latina dopo una serie di errori marchiani vanificando le ottime prove di Mastellari, appena arrivato, e Monaldi, in un finale thrilling in cui Terrence Roderick sbaglió l’impossibile e le triple di Sandri e dello stesso neoacquisto (oggi ad Orzinuovi) non trovarono la retina. Forse la peggior prestazione di Napoli sotto la guida di coach Sacripanti contro una Roma accreditata, ai tempi, come allo sbando.

Appuntamento alle 18 di domenica 22 per la prima palla a due di questo campionato al quale Napoli si presenta nel lotto delle favorite.

 

Loading Facebook Comments ...

leave a reply