GIAPPONE, ESEGUITE DUE CONDANNE A MORTE ALL’ALBA 

46

Giappone: i due condannati erano accusati di diversi omicidi

In Giappone all’alba sono state eseguite due condanne a morte. Lo ha annunciato il ministro della Giustizia Takashi Yamashita che ha firmato gli ordini esecutivi delle pene capitali. “Ho ordinato l’esecuzione della pena dopo una lunga riflessione”, ha spiegato in una conferenza stampa il ministro. Yasunori Suzuki (50 anni) e Koichi Shoji (64 anni) erano stati condannati per l’omicidio rispettivamente di tre e due donne nel 2004 e nel 2001. Si tratta delle prime esecuzioni di quest’anno, dopo 15 pene capitali nel 2018. Oltre 100 condannati a morte che attendono in carcere da diversi anni. L’anno scorso a luglio sono state eseguite le 13 pene capitali per i membri della setta Aum, ritenuta responsabile dell’attentato con il gas sarin nella metropolitana di Tokyo nel 1995.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *