Giappone: Olimpadi, 155 casi di Covid confermati da inizio luglio 

7 nuovi casi di contagio da coronavirus tra gli atleti e gli altri partecipanti ai Giochi

Breaking News

Il comitato organizzatore delle Olimpiadi estive di Tokyo ha confermato 7 nuovi casi di contagio da coronavirus tra gli atleti e gli altri partecipanti ai Giochi; due atleti, incluso un giocatore di tennis olandese, sono risultati positivi ai controlli nelle ultime 24 ore. I nuovi casi portano a 155 il totale dei soggetti risultati positivi tra gli atleti e il personale delle Olimpiadi dall’inizio di luglio, nonostante l’elevatissimo tasso di vaccinazione e i rigidi protocolli sanitari applicati dagli organizzatori. Il bilancio dei contagi non tiene conto degli atleti e del personale risultato positivo alla Covid-19 durante i ritiri preparatori precedenti l’apertura dei Giochi.

Il tasso di approvazione del governo guidato dal primo ministro del Giappone, Yoshihide Suga, è crollato al 34 per cento in concomitanza con l’inizio delle Olimpiadi estive di Tokyo. Lo rileva un sondaggio effettuato dal quotidiano “Nikkei” e da Tv Tokyo, che attribuisce all’esecutivo giapponese del premier Suga, insediatosi lo scorso settembre 2020, un nuovo record negativo di consensi. Il sondaggio è stato effettuato lo scorso fine settimana ed ha interpellato 998 giapponesi adulti. I sondaggi effettuati da “Nikkei” non attribuivano al governo in carica un consenso inferiore al 40 per cento da oltre un anno. Nel frattempo, l’agenzia di stampa “Kyodo” riferisce che la cerimonia di apertura dei Giochi di Tokyo e’ stata seguita dal 56,4 per cento dei telespettatori nell’area metropolitana di Tokyo: un dato inferiore al 61,2 per cento rilevato dall’emittente televisiva NHK in occasione delle Olimpiadi di Tokyo del 1964.

Le Olimpiadi estive di Tokyo hanno avuto ufficialmente inizio venerdì 23 luglio con la Cerimonia di apertura dei Giochi presso lo stadio nazionale della capitale giapponese. Alla cerimonia, preceduta da un sorvolo della capitale della pattuglia acrobatica della Foza aerea di autodifesa giapponese, “Blue Impulse”, assistono in presenza solamente un migliaio di spettatori. I Giochi si svolgono nel contesto senza precedenti di una pandemia virale che ha costretto Tokyo ad assumere misure restrittive e profilassi sanitarie senza precedenti, tanto che nel Paese non e’ mai cessato il dibattito in merito all’opportunità o meno di tenere l’evento. Nelle intenzioni del Comitato olimpico nazionale (Cio) e del governo giapponese, le Olimpiadi – il più vasto e importante evento sportivo internazionale dall’inizio della pandemia – servirà da simbolo di speranza, resistenza e rilancio della comunità internazionale. Alle Olimpiadi, rinviate lo scorso anno proprio a causa della Pandemia, prendono parte circa 11mila atleti da oltre 200 Paesi e regioni del mondo. L’evento si protrarrà per 17 giorni, sino al prossimo 8 agosto.

 

Il presidente del Comitato olimpico internazionale (Cio), Thomas Bach, ha chiesto al primo ministro del Giappone, Yoshihide Suga, di riconsiderare la decisione di tenere le Olimpiadi estive di Tokyo a porte chiuse anche a evento già iniziato, nel caso il quadro dell’emergenza pandemica a Tokyo e nelle prefetture limitrofe esibisca un miglioramento significativo nelle prossime settimane. Lo riferiscono fonti vicine all’ufficio del primo ministro del Giappone. Bach ha incontrato Suga a Tokyo mercoledì 14 luglio. La capitale giapponese è stata posta in un nuovo stato di emergenza pandemica all’inizio della scorsa settimana in risposta ad una nuova ondata di contagi. Suga ha dichiarato che i cinque organi organizzatori delle Olimpiadi rivaluteranno la politica relativi alla presenza di spettatori ai Ghiochi nel caso di mutamenti significativi del quadro pandemico. Nel frattempo, il governo e il Comitato organizzatore dei Giochi hanno stabilito che gli atleti olimpici che si trovano in regime di quarantena potranno sospenderla e prendere parte alle competizioni, a patto di risultare negativi ad un tampone prima della competizione.

Il primo ministro del Giappone ha concordato con Bach di fare dell’evento sportivo uno sprone alla solidarietà globale. Bach, che si trova in Giappone in vista della cerimonia di apertura dei Giochi, in programma il 23 luglio, ha assicurato al primo ministro giapponese che l’organizzazione dell’evento ha adottato misure adeguate a prevenire la diffusione del coronavirus da parte di atleti e membri delle delegazioni. L’incontro, tenutosi presso l’ufficio del primo ministro giapponese, giunge in un contesto di forte perplessità da parte dell’opinione pubblica e degli esperti nazionali di sanita’ in merito all’opportunità di condurre l’evento, nonostante l’emergenza sanitaria ancora in atto nell’area di Tokyo. Il governo giapponese ha annunciato frattanto che l’imperatore del Giappone Naruhito proclamerà ufficialmente l’apertura dei Giochi.

Le Olimpiadi di Tokyo, in programma dal 23 luglio all’8 agosto, si svolgono senza spettatori a causa dei numerosi contagi da coronavirus che si registrano quotidianamente nell’area metropolitana della capitale giapponese. Lo ha annunciato alla stampa la ministra del Giappone per i Giochi olimpici e paralimpici, Tamayo Marukawa. L’annuncio è giunto dopo che il governo ha ripristinato lo stato di emergenza per la capitale fino al 22 agosto. La decisione di tenere le gare senza pubblico è stata concordata nel corso di una riunione alla quale hanno partecipato il capo del Comitato olimpico internazionale, Thomas Bach, e i rappresentanti dei quattro attori coinvolti nei preparativi: il Comitato organizzatore, il Comitato paralimpico internazionale, il governo giapponese e l’amministrazione metropolitana di Tokyo. Precedentemente era stato escluso l’ingresso di spettatori provenienti dall’estero ed era stato posto un limite di presenza negli impianti sportivi del 50 per cento della capacita’, e comunque non superiore a diecimila persone.

 


Loading Facebook Comments ...

leave a reply