Breaking News

GRILLO A NAPOLI PROVOCA SALVINI: “MAMMA DOVEVA PRENDERE LA PILLOLA”

La replica del ministro Salvini: “Mia madre doveva prendere l’anticoncezzionale? Sorrido.”

Beppe Grillo mette in “mezzo” la mamma del ministro Salvini nel corso della prima serata del suo spettacolo intitolato “Insomnia” in scena al teatro Diana di Napoli. Secondo il comico genovese “la mamma di Matteo Salvini avrebbe dovuto prendere la pillola”. Beppe Grillo lancia una provocazione “forte” al ministro dell’Interno Matteo Salvini, che replica senza scomporsi: “Mia madre doveva prendere la pillola invece di partorirmi? Io rispondo, anche a nome della mia brava mamma, con un sorriso”. È questa  la reazione che il vicepremier affida a Twitter, accompagnandola con una faccina sorridente. La stoccata, arrivats così come un fulmine a ciel sereno,  è arrivata da Grillo nella prima delle sue serate al teatro Diana di Napoli. “Anni fa, quando lo incontravo, mi dava del lei – ha detto il comico genovese riferendosi al vicepremier -. Poi, parlai alla madre al cellulare e le dissi che quella sera avrebbe dovuto prendere la pillola. Salvini è un foruncolo sul progresso”.

Al Teatro Diana, c’è uno spettatore d’eccezione ad assistere allo spettacolo di Beppe Grillo. Si tratta del presidente della Camera Roberto Fico. La terza carica dello Stato non ha voluto perdersi la replica napoletana di «Insomnia», lo show che il comico genovese porta in tournée da oltre un anno. Lo spettacolo è l’occasione per Fico di riabbracciare nella sua Napoli il garante e co-fondatore del M5S dopo l’ultimo incontro avvenuto a Roma poco prima di Natale. Insomnia è uno spettacolo in cui Beppe Grillo si spoglia delle vesti di politico per vestire quelle di un uomo comune alle prese con il disturbo del sonno più diffuso al mondo, l’insonnia, con l’ironia che da sempre lo contraddistingue. In questo show, l’insonnia che tormenta Grillo da 40 anni e che lo porta a farsi domande scomode, a interrogarsi sull’ovvio e a trovare risposte azzardate, a diventare il personaggio che tutti conoscono, viene raccontata in un «work in progress» creativo. Un viaggio nella vita del comico che «auspica un ritorno a un sistema più percettivo, primordiale, istintivo». Grillo si racconta così, «prendendo in contropiede ancora una volta tutti quelli che lo vogliono dipingere diverso da quello che è». Immancabile il riferimento agli eventi dell’attualità più recente, filtrati dalla sua pungente ironia.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply