Breaking News

IL NAPOLI CHE CAMBIA MODULO TIENE FERMI ROG E DIAWARA

I due centrocampisti del Napoli hanno il minor numero di presenze. Inseriti dalla società in tutte le trattative di mercato

Nel Napoli di Ancelotti giocano tutti. Il tecnico cambia la formazione ogni settimana, così che ogni membro della rosa posso trovare spazio. Ci sono due giocatori però che meno di tutti non stanno trovando minutaggio a loro disposizione. Vengono inseriti praticamente in ogni trattativa come merce di scambio: sono i centrocampisti Amadou Diawara e Marko Rog. I due hanno collezionato rispettivamente 10 e 11 presenze, con anche 1 gol per Rog. Il guineano è teoricamente l’alternativa di Hamsik, mentre il croato è il sostituto naturale di Allan, quest’anno irremovibile. L’ex Bologna piace al Wolverhampton, che vorrebbe intavolare una trattativa con la società partenopea.

Il patron azzurro Aurelio De Laurentiis chiede però una cifra minima di 40 milioni di euro. Il club inglese non sembra intenzionato a spendere così tanto, specialmente per un ragazzo, che, complice il poco spazio concesso, non è ancora riuscito a evidenziare tutte le sue qualità. Per quel che riguarda Rog invece, il ragazzo ha bisogno di minutaggio. Le poche presenze collezionate a Napoli la scorsa stagione sono costate la spedizione in Russia, che ha visto la sua Croazia arrivare in finale e soccombere per 4-2 solo davanti alla Francia. De Laurentiis Dal canto suo crede nel giovane, e non vuole privarsene definitivamente. Su di lui puntano Cagliari e Fiorentina, ma bisognerà trovare un modo per non cederlo in maniera definitiva. Si potrebbe optare a questo proposito per un diritto di recompra. Con l’ipotetica cessione di entrambi il Napoli avrebbe un buon capitale da investire sul mercato. Tanti sono i nomi che girano in queste ore. Si parla in particolare di Chiesa, e in quel caso Rog potrebbe essere determinante, e Lozano sugli esterni. A centrocampo piacciono Barella, conteso con l’Inter, e il giovane Tonali, per cui Cellino chiede 30 milioni.

PhotoCredit: Antonio Balasco

Loading Facebook Comments ...

leave a reply