INSIGNE ALL’ARBITRO: “PRIMA INIZIAMO E PRIMA FINIAMO”. PAROLE SPECCHIO DELLA CRISI

218

-“Siete pronti?”

-“Sì, sì, prima iniziamo prima finiamo”.

La rivelazione è spiattellata all’ora dell’aperitivo dallo Studio di Sunday Morning (Sky) durante una conversazione con Michele Plastina.

E’ una rivelazione che in sostanza fotografa il malessere della Squadra nei confronti dell’Ambiente Azzurro. E’ la conferma della profonda ferita apertasi tra Giocatori, Tifosi, Allenatore e Società. Ferita difficilmente sanabile.

Lo scambio di battute pochi attimi prima del fischio di inizio di Napoli-Genoa. A pronunciarle sono l’Arbitro Gianpaolo Calvarese (“Siete pronti?”) e il Capitano del Napoli Lorenzo Insigne (Sì, sì, prima iniziamo prima finiamo”).

“Sì, sì, prima iniziamo prima finiamo”. Parole che sono lo specchio dell’insofferenza dei Giocatori verso lo Stadio di Casa e verso gli Ultrà degli Spalti, Aficionados che ormai gli intgerrpreti della  pedata partenopea sentono ostili,

“Sì, sì, prima iniziamo e prima finiamo”, l’espressione è lo specchio della scarsa voglia di giocare di Primi Attori e Comparse in maglia Azzurra. E’ lo specchio del dissolvimento di sogni, ambizioni e attaccamento alla Maglia. E’ lo specchio del Fallimento di un Programma non supportato da idee e da adeguate scelte tecniche.

Per Insigne è stato come dire “Sì, sì, tiriamoci questo dente e facciamo presto…”.

Parole che sono la conferma del clima di smobilitazione che aleggia sul Napoli. E la frana potrebbe non essersi ancora arrestata in  quanto a questo punto non appare più scontato neanche il passaggio agli ottavi di Champions. La voglia di Ammutinamento potrebbe prendere la mano…

Detto ciò sono due per ADL le vie percorribili per tentare di non compromettere ulteriormente la già compromessa stagione: la prima strada porta all’esonero di Carlo Ancelotti e all’accordo con i Giocatori con i contratti in scadenza; la seconda opzione porta alla messa fuori Rosa degli Ammutinati e alle relative cessioni in Gennaio.

ADL deve decidere in fretta, prima dei matches col Milan e col Liverpool. E’ chiaro infatti che il puntare su Giocatori non sufficientemente motivati (ed è un eufemismo) costituirebbe una scelta ad alto rischio. Ma è pur vero, tuttavia, che gli Ammutinati costituiscono l’ossatura della Squadra. Rinunciarvi in assenza di Adeguati Sostituti costituirebbe pertanto un disperato quanto rischiosissimo rilancio sul tavolo del Caos.

Detto in parole povere, il Napoli è nei guai. E ADL è di fronte a scelte che comunque potrebbero finire col farlo uscire ciaccato da una vicenda da Lui stesso provocata.

Intanto i risultati della Giornata Calcistica fanno da ciliegine sulla torta.

Si tratta di responsi che complicano il cammino in Campionato del Napoli dopo gli allunghi in classifica di Lazio e Cagliari , dopo la conferma della distanza di tre punti dall’Atalanta e dopo l’ininfluente battuta di arresto della Roma.

Gli Azzurri restano brillantemente ancorati al settimo posto, a 5 punti dalle quarte e a distanza siderale dalla prima.

Fiore all’occhiello, l’invidiabile media retrocessione delle ultime Giornate.

In questo scenario inutile dire che la stessa Qualificazione alla Champions per la prossima stagione – obiettivo prioritario per ADL – comincia ad assumere le ingannevoli fattezze del Miraggio. La Fata Morgana è in agguato…

Ps. Nota per gli Ortodossi della Lingua Italiana. Nella stagione in cui si tende ad inibire e a limitare l’uso delle Maiuscole, vado controcorrente. E chiarisco: le Maiuscole presenti nel testo non contemplate dal corrente galateo linguistico sono volute, esse rappresentano una licenza grafica dell’Autore e intendono conferire la giusta importanza al ruolo della parola attenzionata dalla maiuscola.

 




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *