Breaking News

INSONNIA E STRESS, MANGIARE LA PASTA DI SERA FAVORISCE IL RIPOSO E NON FA INGRASSARE

Lo rivela uno studio pubblicato su “The Lancet Public Health”: nella pasta, triptofano e vitamine del gruppo B “amici” del relax

La pasta a cena è il rimedio naturale contro insonnia e stress. L’Italia è il Paese della pasta, ma, secondo le statistiche, solo 1 piatto di spaghetti su 3 viene servito a cena. I quasi 12 milioni di italiani che non la consumano di sera per paura di ingrassare o di compromettere il sonno dovrebbero però ricredersi. Uno studio pubblicato di recente sulla rivista scientifica The Lancet Public Health, ha dimostrato che mangiare pasta a cena migliora il riposo notturno e non fa ingrassare. In occasione della Giornata mondiale del Sonno che ricorre il 15 marzo una guida di Unione Italiana Food, aiuta ad orientarsi tra le ricette di pasta piu’ indicate a cena. Una buona notizia, insomma, per quei 27 milioni di italiani che soffrono di disturbi del sonno: mangiare pasta a cena fa bene, rilassa, facilita il sonno e non fa ingrassare, anzi fa dimagrire. Lo studio dimostra che la pastasciutta può essere consumata nelle ultime ore del giorno, soprattutto se siamo stressati e soffriamo d’insonnia, grazie alla presenza in questo alimento di Triptofano e Vitamine del gruppo B.

La ricerca potrebbe far cambiare abitudini a una larga fetta della popolazione italiana. Il 65% dei consumi di pasta avviene infatti a pranzo, mentre solo il 35% si concentra sulla cena. Cosa che non accade, ad esempio, per pane, frutta, verdura, carne e perfino dolce, consumati in quantità piu’ o meno equivalenti tra i due pasti principali della giornata.
Vanno controcorrente i Millennials: per il 39% degli under 35, la spaghettata da preparare tutti insieme è l’elemento irrinunciabile di una cena tra amici. Intanto, le problematiche correlate al comportamento alimentare sono da tempo all’attenzione dei professionisti del settore e richiedono l’intervento di una equipe multidisciplinare per giungere ad una diagnosi precoce e quindi ad una tempestiva presa in carico per evitare complicanze mediche e la eventuale cronicizzazione. E’ necessario quindi trattare questi disturbi precocemente e tempestivamente, conmetodi e trattamenti adeguati attraverso un approccio multidisciplinare integrato in strutture di cura specializzate come il Centro di Empoli che offre trattamenti ambulatoriali intensivi e continuita’ delle cure per tutte le fasce di eta’. L’e’quipe dei professionisti e’ composta da psichiatri, neuropsichiatri infantili, psicologi e dietisti. I disturbi del comportamento alimentare (anoressia nervosa, bulimia nervosa e alimentazione discontrollata (in inglese BED -Binge eating disorder) costituiscono una emergenza sanitaria e sociale per gli effetti devastanti sulla salute e sulla vita di adolescenti, giovani ed adulti. Si tratta di una condizione complessa caratterizzata dalla presenza di un rapporto anomalo con il cibo, da una estrema preoccupazione per la forma fisica e da una alterata percezione del proprio corpo; tutte condizioni che possono compromettere gravemente la salute di tutti gli organi ed apparati del corpo.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply