JUVENTUS-NAPOLI 4-3, PROVA DI CARATTE DEGLI AZZURRI, KOULIBALY AL 92′ CONDANNA ANCELOTTI.

55

Allo Juventus Stadium la Juventus batte per 4-3 in una gara pirotecnica, e si prende la testa della classifica.

Il primo tempo si conclude con la Juventus avanti per 2-0. I bianconeri disputano un’ottima prima frazione in cui riescono a imporre il loro gioco e a creare molte occasioni, complice anche il gran numero di errori individuali dei giocatori del Napoli. Al 16esimo la Juve trova il vantaggio con un eccezionale uno-due. Prima il neo entrato Danilo sblocca il match servito da Douglas Costa al termine di un grande contropiede. Successivamente, dopo altri 3 minuti, al 19esimo, Higuain trova il raddoppio saltando Koulibaly con un bella giocata nello stretto e piazzando la palla all’incrocio. Al 62esimo la Juventus cala il tris con Cristiano Ronaldo. Il portoghese segna di sinistro dopo una bella azione corale iniziata da Matuidi. Proprio da quel momento, mosso probabilmente da un moto d’orgoglio, arriva il miglior momento del Napoli. Al 66esimo arriva il gol di Manolas che riapre il match. Il greco colpisce di testa trafiggendo Szczesny sulla punizione calciata da Mario Rui. Dopo appena due minuti gli azzurri accorciano ulteriormente le distanze grazie al gol del debuttante Hirving Lozano. Il messicano al 68esimo non deve fare altro che spingere in rete il pallone servitogli da Zielinski, dopo la fuga sulla sinistra del polacco. All’81esimo arriva il gol che corona la rimonta partenopea. Su punizione, questa volta di Callejon, arriva il tocco sotto di Di Lorenzo per il 3-3. Nel finale arriva la doccia fredda per i tifosi del Napoli, in festa per la grande rimonta. Al 92esimo sulla punizione calciata da Douglas Costa Koulibaly svirgola completamente, mandando il pallone nella sua porta. La Juventus si impone sul Napoli 4-3, non senza fortuna, guadagnando la testa della classifica, dominando nel primo tempo ma concedendo nel secondo. Grande prova di carattere del Napoli, ma Ancelotti ha ancora di che lavorare, 7 gol segnati e 7 subiti nelle prime due partite.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *