Breaking News

La GeVi dura tre quarti, Treviso strappa nel momento decisivo (81-74)

Segnali di miglioramento da parte della formazione di Sacripanti, ma manca ancora tenuta fisica.

Bene, meglio, ma non basta

La GeVi Napoli combatte per tre quarti, prima di cedere alla stanchezza e ad una Treviso pronta al salto in Europa.

Per gli azzurri spicca la prestazione di Arnas Velicka, autore di 12 punti conditi da 6 assist, ma è dal punto di vista collettivo che coach Sacripanti può segnare più d’un passo avanti. Certo, stona il 19% dall’arco, ma è anche vero che mancava quello che, nelle intenzioni almeno, era il terminale offensivo principale della squadra. Progressi, dunque, e partita che dura finchè l’acido lattico non decide che è abbastanza.

Coach Sacripanti: Siamo dispiaciuti per aver lasciato la partita appena Treviso ha allungato nel punteggio. Purtroppo non siamo stati bravi a riprenderci dopo i parziali negativi, senza riuscire a rimettere in discussione il risultato. Prendiamo però gli aspetti positivi. Abbiamo segnato qualche punto in più rispetto alle partite precedenti disputando una buona gara per tre quarti. Ci è mancata la forza fisica e morale per reagire alla Nutribullett. Siamo in preparazione, cerchiamo di concentrarci sulle cose buone fatte. Ora a Brescia troveremo una squadra agguerrita e con grande fisicità. Noi dobbiamo continuare nel nostro lavoro per migliorare e cercare di allungare i minuti di buona pallacanestro che stiamo cercando di fare.

 

LA CRONACA

La Nutribullet parte con la difesa lunga, ma la GeVi non è venuta a Treviso per stare a guardare: la bomba di McDuffie e la schiacciata di Velicka piazzano il vantaggio ospite (4-5); la reazione trevigiana è nelle mani di Henry Sims e Bortolani che confezionano il parziale di 7-0 per il +6 Nutribullet (11-5).

I padroni di casa viaggiano sulle invenzioni di Dwayne Russell, Napoli risponde con uno scatenato McDuffie che al 5’ è già a quota 7 punti (13-9). Sono i rimbalzi a tenere avanti Treviso; la GeVi si tiene in scia attivando anche Mayo e Parks, ma il dominio delle alture da parte degli uomini di coach Menetti pesa parecchio ed impedisce il sorpasso azzurro.

È un’altra GeVi, però, e soprattutto un altro Parks: l’ex di turno piazza 5 punti riportando a contatto gli ospiti (17-16); è il preludio al pareggio, firmato dall’altro ex Uglietti dalla lunetta. Lo stesso Uglietti forza la settima palla persa della Nutribullet, ma un blocco in movimento di Zerini vanifica la possibilità di mettere il naso avanti.

Il pivot azzurro si fa perdonare cancellando Casarin con una stoppata delle sue, Velicka firma il sorpasso e gli azzurri chiudono il primo quarto avanti (19-20).

Napoli è visibilmente più tonica e pressa a tutto campo: ancora Velicka allarga il vantaggio azzurro, oltre a forzare il terzo fallo di squadra quando il cronometro segna poco meno di 9’ dall’intervallo lungo. Il play lituano, poi, pesca Lombardi sulla rimessa; il 21 azzurro ringrazia e piazza il +5.

Coach Menetti rimanda in campo Russell, la Nutribullet si scuote e trova il -1, ma esaurisce subito il bonus falli con l’ingenuità di Dimsa su Uglietti; l’attacco azzurro, però, s’inceppa, Sacripanti rimanda in campo McDuffie per cercare di dargli nuova linfa; la scossa la dà, invece, Jordan Parks che fa il vuoto a rimbalzo, si sportella con Sokolowski ed appoggia col gancio.

È un buon momento, Mayo ritocca il massimo vantaggio (24-30) con Mayo, ma Russell trova il canestro pesantissimo che ricuce; per Sacripanti è opportuno fermare il cronometro.

La difesa della GeVi dà indicazioni importante, addirittura Mayo non si fa intimidire dalla differenza di statura con Chillo, rendendogli difficile il tiro. Marini e Sokolowski si scambiano bombe frontali, infiammando il PalaVerde; la risposta azzurra sono due liberi di Elegar per il 30-35, poi l’ex Reggio Emilia vola a stoppare Sims, ma il fallo di Uglietti vanifica l’azione difensiva, poi Akele impatta dall’arco.

L’inerzia volge verso Treviso: a fil di sirena Bortolani si butta fino in fondo ed inchioda lo schiaccione a due mani. All’intervallo è 37-35 Nutribullet.

La GeVi esce dagli spogliatoi con buon piglio, Velicka pareggia in penetrazione, poi Elegar fa ammattire Sims che salta a vuoto ed inchioda la bimane del vantaggio (37-39). L’ex Reggio Emilia si ripete chiudendo il pick ‘n roll con Velicka, ma la Nutribullet risponde colpo su colpo ed è ancora parità a quota 41.

Lo scambio di colpi prosegue, Treviso torna davanti con il 2+1 di Akele, il controsorpasso azzurro è firmato McDuffie, sfiorando anche il fallo in attacco.

Napoli non vuole mollare la testa del tabellone, Velicka sigla il +2 tirando la bomba in faccia a Sims, la risposta è una superba penetrazione di Russell.

Ora è partita ad alto contenuto spettacolare: Velicka ispira Zerini, Sims gli risponde con il jumper dalla media, ma il PalaVerde va in visibilio con la bomba del giovanissimo (17 anni) Faggian; Casarin fa anche lui bersaglio grosso, al 30’ è +4 Nutribullet (58-54).

La Nutribullet apre il quarto decisivo sfruttando l’eccesso di foga di Uglietti per segnare tre liberi con Casarin che significano massimo vantaggio (+7); tuttavia l’ex Reyer commette la stessa infrazione su Parks ed ha la peggio nel contatto con lo statunitense, colpo al ginocchio che lo costringe in panchina.

I padroni di casa, però, traggono energia positiva nella negatività dell’evento e piazzano il miniparziale firmato Dimsa per il +8 (65-57).

Le energie della GeVi cominciano ad esaurirsi, Treviso tocca il +10 con un Dimsa indiavolato, poi Parks commette l’antisportivo su Bortolani, è il quinto commesso dall’azzurro, l’ex Brescia fa 1/2, ma la Nutribullet spreca il possesso successivo.

Ma è vana la speranza azzurra, la maggior freschezza atletica dei trevigiani fa la differenza e gli azzurri non riescono più a rientrare.

 

Nutribullett Treviso – Gevi Napoli Basket 81-74(19-20;37-35; 58-54)
Treviso: Russell 7, Poser, Faggian 3, Bortolani 14, , Casarin 6, Chillo 5, Sims 14, Sokolowski 6, Dimsa 11, Jones 3, Akele 12, Vettori All.Menetti
Napoli: Zerini 3, McDuffie 17 , Grassi ne, Matera ne, Velicka 12 , Parks 10, Marini 6, Mayo 6, Elegar 8, Uglietti 5, Lombardi 8, Cannavina ne. All.Sacripanti

 


 

Loading Facebook Comments ...

leave a reply