LO CHEF ANTHONY MYINT VINCE IL BASQUE CULINARY WORLD PRIZE 

105

In finale l’italiano Giovanni Cuocci di Modena

Lo Chef Italiano Giovanni Cuocci

Lo chef americano di San Francisco Anthony Myint ha vinto il Basque Culinary World Prize 2019, uno dei più prestigiosi premi di cucina “per chef che abbiano contribuito a trasformare la società attraverso la gastronomia”. Tra i dieci finalisti c’è anche un italiano, Giovanni Cuocci del ristorante La Lanterna di Diogene di Modena. Lo riferisce una nota. La ricerca di Myint si basa su una cucina a minimo impatto ecologico, in particolare a bassa emissione di Co2, che ha l’intento di contrastare il cambiamento climatico, o almeno di dare un segnale in questo senso. Più di 30 influenti ristoranti in tutto il mondo ne applicano la metodologia grazie alla sua consulenza, mentre con “The Perennial Farming Initiative“, un progetto per la produzione degli ingredienti, sostiene modelli di agricoltura sostenibile. Il vincitore del Basque Culinary World Prize, annunciato oggi alla Salesforce Tower di San Francisco, è stato scelto fra i 10 finalisti da una giuria internazionale presieduta dallo chef Joan Roca e composta dai più acclamati chef del mondo e da esperti internazionali di settori collegati. Il finalista Giovanni Cuocci, nel suo ristorante alle porte di Modena, cura il territorio e le persone che ne fanno parte attraverso una cooperativa gastronomico-sociale ispiratrice e innovativa, dove il cibo si trasforma non solo in ricette quanto piuttosto in opportunità per i suoi soci: persone con disabilità intellettiva con cui semina, alleva e lavora artigianalmente il meglio delle tradizioni gastronomiche dell’Emilia Romagna. Nel 2018 il premio era stato assegnato a Jock Zonfrillo per aver dedicato 18 anni alla riscoperta e alla difesa dell’antica cultura del cibo degli indigeni australiani, in gran parte esclusa dall’identità gastronomica nazionale.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *