Breaking News

“MADE IN SUD”, IL RITORNO DELLA COMICITÀ D’AUTORE: SUCCESSO PER LA PRIMA SERATA

La nona edizione di Made in Sud in diretta su Rai2 ogni lunedi alle 21,20 per sette puntate

Made in Sud edizione numero 9 è già un successo. Il sipario si è aperto alle 21,20 con la sigla d’eccezione realizzata da Edoardo Bennato, Rocco Hunt e Franco Ricciardi e le musiche sono firmate da Frank Carpentieri. Il format comico, voluto da Carlo Freccero, ha unito tradizione e innovazione. Uno show rigorosamente in diretta, trasmesso dall’Auditorium del centro di produzione tv di Napoli. Le novità sorprendenti hanno riguardato sotto l’aspetto comico le performances di Elisabetta Gregoraci, 39enne in splendida forma e le gag di Biagio Izzo.

Inizio brillante per la nuova coppia alla conduzione con un inedito Stefano De Martino che ha accompagnato la veterana Fatima Trotta. Eccellenti le prestazioni delle new entry come Peppe Iodice, Max Cavallari, Francesco Paolantoni, Emiliano Morana e i Radio Rocket. Saranno ben 7 puntate con un nuovo corpo di ballo, composto per l’occasione da 8 ballerine professioniste guidate dalla sapiente mano del coreografo Fabrizio Mainini. I comici che si sono avvicendati sul palco, nella serata di ieri sono stati Mino Abbacuccio, gli Arteteca, Mariano Bruno, Paolo Caiazzo, i Ditelo Voi, Enzo e Sal, Gino Fastidio, Ciro Giustiniani, Simone Schettino, Antonio D’Ausilio, Peppe Laurato e Rosaria Miele, Francesco Albanese, Peppe Iodice, Francesco Paolantoni, Max Cavallari.

Riguardo alla nuova esperienza, Stefano De Martino si è detto emozionato ma pronto a stupire il pubblico con un approccio rilassato e disinvolto. Sul programma poi, l’ex ballerino ha confidato a “Tv, Sorrisi e canzoni” che quegli sketch a prima vista improvvisati sono frutto di duro lavoro: “In realtà la maggior parte degli sketch sono preparati e studiati nel dettaglio. Ho imparato che la comicità è una cosa molto seria. Infatti abbiamo testato gli sketch in un teatro di Napoli con il pubblico pagante”.

PhotoCredit: Bruno Fontanarosa

Loading Facebook Comments ...

leave a reply