MIGRANTI & ONG. SALVINI USA COME SCUDIERI TONINELLI E TRENTA. SUICIDIO M5S

102

Migranti e Ong, questa volta il Signor Ministro Capo Leghista ha inteso coprirsi le spalle da eventuali attacchi della Magistratura facendosi garantire dagli Zerbini Ministeriali a Cinquestelle, Danilo Toninelli e Elisabetta Trenta. Per il M5s un altro passo verso il suicidio, per il Ministro dell’Interno Matteo Salvini una furbata che potrebbe servirgli a poco.

Sono in navigazione le Navi Ong Open Arms battente bandiera spagnola e la Alan Kurdi di nazionalità tedesca. Entrambe sono cariche di naufraghi e ad entrambe è stato notificato il divieto di ingresso nelle acque territoriali a firma dei Tre succitati Ministri.

Tra i naufraghi raccolti dalla Alan Kurdi vi è anche un bambino di tre anni con una ferita da arma da fuoco a una spalla.

Meriterebbe un soccorso urgente.

La nave è in rotta verso Malta. Ma i dubbi che possa approdare non mancano; la Open Arms – intanto – è al largo di Lampedua…

E’ sconvolgente prendere atto come questi fatti lascino indifferenti il Capo Religioso della Lega corredato da Crocifissi e Rosari e i suoi Complici pentastellati.

Accade quando il delirio del Potere e la bramosia per le Poltrone e le Pagnotte disumanizza le persone.

Che schifo è dir poco!

Ciò che maggiormente disgusta – al di là della dubbia costituzionalità dei divieti – sono i toni, sono la Ferocia, l’Insensibilità, la Crudeltà e la mancanza di Empatia verso chi soffre e ha bisogno di aiuto. Toni disumani che traspaiono dalle parole del Rozzo Leghista!

Si ripropone – dunque – il film già più volte visto. E’ un film prodotto dall’ignoranza, dalla propaganda e dalla rozzezza d’animo del Regista. Un film il cui finale è già scritto. Tutti i naufraghi – nonostante i ruggiti circensi del Leghista – toccheranno terra.

E verrà ancora una volta da chiedersi a cosa siano serviti i disagi e le sofferenze riservati a queste sfortunate persone trattenute per giorni in mezzo al mare…

Intanto, mentre i disgraziati scampati alla morte in mare arrostiscono al sole negli angusti spazi delle navi che li hanno portati a bordo, continuano gli sbarchi fantasma, continuano a succedersi gli arrivi di barchini a Lampedusa. Nelle ultime ore sono sbarcati sull’Isola altri 29 migranti senza che il Signor Ministro dell’Interno potesse batter ciglio.

Il tutto mentre la Presidente della Commissione Ursula  von der Leyen Ue nel corso della dichiarazione congiunta con il premier Giuseppe Conte rassicura: “Sui migranti l’Italia geograficamente esposta, occorre rivedere la ripartizione oneri. Vogliamo che le nostre procedure siano efficaci, efficienti ma anche umane – aggiunge -. Non è un compito facile, ma abbiamo capito tutti che non esistono soluzioni facili. E’ necessario rivedere il concetto di ripartizione degli oneri. Sappiamo che Italia, Spagna, Grecia sono geograficamente esposte: è fondamentale poter garantire la solidarietà ma ciò non è mai un processo unilaterale. Il mio obiettivo politico primario è superare le divisioni, tra nord e sud, est e ovest, piccoli paesi e gradi paesi. Una Ue unita ha bisogno di un’Italia forte e prospera”.

Dal canto loro le Ong non demordono. “Non ci fermeremo finché le morti non si fermeranno”. La garanzia arriva direttamente dalla Sea Eye, la Ong proprietaria della Alan Kurdi. E da Mediterranea – che nel pomeriggio ha ricevuto la notizia del dissequestro da parte della Procura di Agrigento della sua Mare Jonio – l’armatore Alessandro Metz assicura: “Tempo dieci, quindici giorni al massimo e torniamo nel Mediterraneo centrale”. Mentre dalla spagnola Open Arms che ha salvato altre 68 persone “con segni evidenti delle torture subite in Libia – si legge in un tweet della Ong – tra cui due bimbi, due donne in gravidanza, una delle quali di nove mesi con contrazioni” si leva l’appello: “A bordo ci sono 123 persone. Abbiamo bisogno di un porto sicuro per farle sbarcare”. E’ il controcanto umanitario ai divieti e alle sfuriate del Ministro dell’Interno Matteo Salvini in missione vacanziera a Milano Marittima.

03/08/2019 h.04.00

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *