Breaking News

MILANO SCENDE IN PIAZZA CONTRO IL RAZZISMO, PEOPLE: “SIAMO 200MILA”

“People, prima le persone” la marcia antirazzista organizzata da «Insieme Senza Muri», «Anpi», «Acli», «Sentinelli», «Mamme per la pelle» e «Action Aid»

Milano oltre 200 mila persone hanno sfilato ieri pomeriggio per dire no al razzismo. Alle 16 la testa del corteo era arrivata davanti al Duomo, mentre la coda era ancora all’altezza di Porta Venezia, cioè al punto di partenza. «People, prima le persone», la grande marcia antirazzista organizzata da «Insieme Senza Muri», «Anpi», «Acli», «Sentinelli», «Mamme per la pelle» e «Action Aid»: erano in migliaia a Palestro ben prima delle 14, l’orario fissato per la partenza della manifestazione che ha attraversato il centro di Milano fino a piazza Duomo, dove si è chiusa al suono dell’inno «People have the power» di Patty Smith con un grande flash mob. Alla testa del corteo decine di bambini, i boy scout, tra le loro mani si agitano dei palloncini azzurri, su ciascuno è raffigurato un mappamondo. Tante bandiere della pace. E poi, carri colorati (anche uno a forma di barcone), musica, striscioni: uno dice «il mondo che vogliamo è una storia a colori». «Siamo tutti sulla stessa barca» si legge su un cartello, e su un altro «vogliamo vivere insieme». Un vero e proprio serpentone di persone, gente comune innanzitutto, ma anche i nomi della politica e del sindacato, della cultura e dello spettacolo: da Roberto Vecchioni a Malika Ayane, da Lella Costa a Giobbe Covatta, da Claudio Bisio a Ornella Vanoni. «Il diritto di emigrare è da sempre e resterà per sempre uno dei diritti fondamentali dell’uomo», ha scritto su Twitter Gad Lerner.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply