Breaking News

Mutilazioni genitali, al via a Napoli il primo summit

Il summit il 25 novembre, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, a Napoli si tiene il primo summit interdisciplinare sulle mutilazioni genitali femminili, organizzato dalla Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva-rigenerativa ed estetica (Sicpre). Secondo i dati dell’Oms, 100 -140 milioni di donne nel mondo hanno subito mutilazioni genitali. E ogni anno 2 milioni di bambine e ragazze corrono il rischio di essere sottoposte a queste pratiche, come l’infibulazione, lesive dell’integrità fisica, della dignità e del diritto alla salute e alla sessualità.

Il fenomeno sembra lontano ma in realtà riguarda anche l’Italia, visto che nel nostro Paese vivono 60-80.000 donne straniere che hanno subito una mutilazione genitale (indagine dell’Università Bicocca di Milano riferita al 2016). L’evento, che è aperto al pubblico e si svolge presso l’Università Federico II, vede tra i partecipanti il rettore Gaetano Manfredi, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna e il presidente dell’Ordine degli avvocati di Napoli Antonio Tafuri, oltre a importanti personalità delle istituzioni e della cultura. Gli scopi principali della manifestazione sono due: contribuire a sensibilizzare e informare la società civile su questa pratica, per combatterla e prevenirla; arrivare alla firma di un protocollo che impegni le società scientifiche coinvolte in questo distretto anatomico a redigere le linee guida. Per questo, oltre al presidente Sicpre prof. Francesco D’Andrea, saranno presenti al Summit il presidente Sigo (Società italiana di ginecologia e ostetricia) prof. Antonio Chiantera e il presidente Aiug (Associazione italiana di urologia ginecologica e del pavimento pelvico) prof. Stefano Salvatore. Durante l’evento, inoltre, l’attrice Rosaria de Cicco leggerà un monologo di Betta Fiorito.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply