Breaking News

Napoli Teatro Festival Italia 2020: Dal 1° al 31 luglio 130 eventi tutti all’aperto

Da oggi, sarà attiva la biglietteria della nuova edizione del Napoli Teatro Festival Italia, in programma dal 1° al 31 luglio

In Italia le attività relative a spettacoli aperti al pubblico potranno ripartire il 15 giugno 2020, salvo decisioni diverse da parte di regioni e province autonome in relazione all’andamento della curva epidemiologica. In Campania, in linea con le misure di sicurezza in atto per l’emergenza COVID-19, quest’anno parte una nuova e ricca edizione del Napoli Teatro Festival Italia, il festival di teatro internazionale che ogni anno si svolge a Napoli durante i mesi di giugno e luglio. «Il teatro rinasce con te!», lo slogan della tredicesima edizione del Festival, la quarta diretta da Ruggero Cappuccio, è un messaggio di speranza rivolto a tutto il pubblico campano. La manifestazione –  realizzata con il sostegno della Regione Campania e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival, presieduta da Alessandro Barbano – produce spettacoli, promuove la scrittura di testi per il teatro, e valorizza luoghi, artisti e professionalità della città di Napoli. Dopo Renato Quaglia, Luca De Fusco e Franco Dragone, dal 2017 la direzione artistica del Napoli Teatro Festival Italia è stata affidata allo scrittore, regista e attore Ruggero Cappuccio, che ha avviato un progetto artistico – tracciato attraverso undici sezioni – nel segno della multidisciplinarità: una programmazione aperta a innovativi fronti di attività, come la sezione Osservatorio e le attività laboratoriali sulle arti sceniche, contenitori che offrono spazio e visibilità a giovani e meno giovani, sostenendo i costi di produzione delle compagnie.

L’edizione 2020 si terrà dal 1° al 31 luglio 2020 con spettacoli divisi in 10 sezioni: 34 spettacoli di prosa nazionale, di cui 28 prime assolute. Per garantire la sicurezza di tutti, personale e spettatori, il festival è stato ripensato completamente all’aperto: più di 100 eventi si svolgeranno infatti in tanti luoghi all’aperto di Napoli e non solo. Fatta eccezione per il Teatro di San Carlo, gli spazi del Real Bosco di Capodimonte, il Maschio Angioino e Palazzo Reale, in particolare i suoi cortili d’Onore, delle Carrozze e il Giardino Romantico, che ospiteranno spettacoli di prosa e le sezioni Cinema e Osservatorio, saranno palcoscenico d’eccezione durante numerose serate. Con lo scopo di valorizzare beni architettonici e paesaggistici della Campania, anche il Teatro Naturale di Pietrelcina, il Duomo di Salerno, l’Anfiteatro Capuano di Santa Maria Capua Vetere e il Complesso Monumentale di Solofra accoglieranno alcuni degli eventi in programma.

Non solo teatro

Anche quest’anno il programma offre un’ampia proposta artistica multidisciplinare. Il programma include infatti Musica, Danza, Cinema, Letteratura, Mostre, Progetti Speciali e SportOpera, la sezione dedicata all’interazione tra arte e sport. Riunificare le arti in una visione interdisciplinare: in questo senso è da leggere la collaborazione con Mimmo Paladino, che dal 2017 progetta l’immagine del Festival, rendendo in questo modo i cataloghi e i materiali promozionali veri oggetti d’arte. L’obiettivo è dunque, come si legge in una nota diffusa dalla Fondazione Campania dei Festival, «rappresentare in tutto il panorama internazionale un organismo di crescita sociale e culturale. Il Napoli Teatro Festival Italia favorisce la partecipazione del pubblico attraverso un’oculata politica dei prezzi». Il Festival propone infatti un biglietto al prezzo di 8 euro, un ridotto a 5 per gli under 30 e la gratuità per alcune categorie sociali più deboli. Inoltre, il ricavato degli spettacoli inseriti nella sezione Musica sarà devoluto in beneficenza all’Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale di Napoli.

 

 

 

Loading Facebook Comments ...

leave a reply