Breaking News

PD, FINISCE L’ERA RENZI. ORA ZINGARETTI APRA AL DIALOGO COL M5S

Ancora una legnata elettorale per Matteo Renzi e per i suoi fedelissimi. È forte e chiaro il segnale che esce dalle urne dei gazebo e delle sedi in cui si è votato per la scelta del nuovo segretario Dem: al Nazareno non c’è più posto per l’ex Capo Scout di Rignano sull’Arno e per i suoi lacché. Vadano a mangiare i pop corn altrove, ordinano le urne.

Vince Nicola Zingaretti con una netta percentuale di voti a favore, un risultato non prevedibile per dimensioni. È un segnale fortissimo che indica la voglia di Sinistra tra i votanti, è un segnale nettissimo – quasi un ordine popolare – che impone la svolta nel Nazareno.

A un anno di distanza Renzi incamera dunque un’altra pesante sconfitta. Ridotto a personaggio da cabaret, non lo hanno aiutato i gridolini, i contorcimenti, i falsetti vocali, le mossettine da avanspettacolo in occasione delle recenti presentazioni del libro da Lui firmato e scritto da chissà chi. Per Matteuccio da Rignano e per i suoi è tempo di fare le valigie. Si faccia il proprio partitino e vada a trattare dalle parti di Arcore se è ancora ben accetto…

Si archivia, dunque, la stagione parolaia del renzismo.

Resta da vedere cosa faranno i numerosi senatori da Lui nominati a Palazzo Madama, tutta gente da domenica notte in cerca d’Autore, piccoli uomini pronti a genuflettersi di fronte a chi gli assicurerà una oggi problematica ricandidatura.

Designato alla guida del Partito, Nicola Zingaretti ora ascolti il consiglio del filosofo Massimo Cacciari (da ieri sera forse prossimo alla riconciliazione col proprio sistema nervoso) e apra al dialogo con i Cinquestelle costretti dal Giovanotto rignanese ad un accordo contro natura con la Lega.

Zingaretti apra al dialogo col M5s e getti le basi per liberare il Paese dall’oscurantismo salviniano. Se vorrà, il nuovo leader del Pd potrà farlo perché i fino a ieri renziani – vedrete – si convertiranno al nuovo corso…

Loading Facebook Comments ...

leave a reply