Breaking News

PEDOFILIA: “IO ABUSATO DA SACERDOTI”, LA CONFESSIONE DEL PRETE NEL GIORNO DEL SUMMIT

Al via summit in Vaticano sulla pedofilia. Il Papa: “Concretezza non scontate condanne”

Proprio nel giorno in cui Papa Francesco apre nell’Aula del Sinodo in Vaticano il summit sulla pedofilia nel clero, don Vinicio Albanesi rivela a Tv2000 di essere stato abusato da ragazzo da parte di altri sacerdoti nel seminario. “Mi sono salvato con questo pensiero: i vigliacchi erano loro e non io – spiega Albanesi -. Non mi sono mai sentito vittima perché le persone malevoli, subdole e delittuose erano loro, adulti, presunti o veri educatori”. “Erano da mandare al diavolo, perché non erano degni – sottolinea il religioso -. E tutto questo mi è rimasto dentro per cinquant’anni. Ma non ho avuto sensi di colpa e questo mi ha aiutato invece a guardare al sacerdozio con lo spirito aperto, solare, bello. Il messaggio di Cristo è un messaggio infinitamente propositivo. Sono a volte, non tutti per fortuna, alcuni ad averlo intristito e reso cattivo. Cristo ha difeso i bimbi, la samaritana, i ciechi, gli zoppi. Cristo ha guarito e c’è purtroppo invece chi con le parole provoca ferite e anche la morte”.

Sono iniziati in Vaticano i lavori dell’Incontro su “La Protezione dei Minori nella Chiesa”, che hanno luogo presso l’Aula nuova del Sinodo da ieri al 24 febbraio, presieduti da papa Francesco. Il Pontefice ha chiesto di trasformare “questo male in un’opportunità di consapevolezza e di purificazione”. “Maria ci illumini per cercare di curare le gravi ferite che lo scandalo della pedofilia ha causato sia nei piccoli sia nei credenti”, ha aggiunto il Pontefice, invitando ad “ascoltare il grido dei piccoli che chiedono giustizia”.Francesco ha chiesto dunque ai vescovi ‘concretezza‘ nelle decisioni:i fedeli attendono misure concrete ed efficaci da predisporre”. “Dinanzi alla piaga degli abusi sessuali perpetrati da uomini di Chiesa a danno dei minori, ho pensato di interpellare voi, patriarchi, cardinali, arcivescovi, vescovi, superiori religiosi e responsabili, affinché tutti insieme ci mettiamo in ascolto dello Spirito Santo e con docilità alla Sua guida ascoltiamo il grido dei piccoli che chiedono giustizia”, ha detto papa Francesco. “Grava sul nostro incontro il peso della responsabilità pastorale ed ecclesiale che ci obbliga a discutere insieme, in maniera sinodale, sincera e approfondita su come affrontare questo male che affligge la Chiesa e l’umanità”, ha proseguito. “Il santo Popolo di Dio ci guarda e attende da noi non semplici e scontate condanne, ma misure concrete ed efficaci da predisporre – ha aggiunto -. Iniziamo, dunque, il nostro percorso armati della fede e dello spirito di massima parresia, di coraggio e concretezza. Ci vuole concretezza”. “Come sussidio – ha detto ancora -, mi permetto di condividere con voi alcuni importanti criteri, formulati dalle diverse Commissioni e Conferenze Episcopali. Sono delle linee-guida per aiutare la nostra riflessione che vi verranno consegnate. Sono un semplice punto di partenza”. Partecipano all’Incontro i presidenti delle Conferenze Episcopali della Chiesa Cattolica, i capi delle Chiese Orientali Cattoliche, i rappresentanti dell’Unione dei Superiori Generali e dell’Unione Internazionale delle Superiore Generali, membri della Curia Romana e del Consiglio di Cardinali.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply