“PIRLACCHIONE” SALVINI SI PIEGA A CONTE. TERZO SBARCO A RATE IN 36 ORE

85

Le ultime parole famose: “Finché sarò Ministro non sbarcherà nessuno”. In calce l’autografo del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, il “Pirlacchione” secondo coniazione di Vittorio Feltri. Correva il 14 agosto di quest’anno…

“Minori, dico sì allo sbarco mio malgrado. E’ un pericoloso precedente”. In calce – in data odierna – l’autografo dello stesso Salvini.

In totale confusione mentale, il signor Ministro considera “pericoloso precedente” la discesa a terra di 27 minori. Roba da Tso (Trattamento sanitario obbligatorio per quanti mostrano deficit di natura psichica ndr).

Capitola, si piega, dunque il Ministro dell’Interno di fronte alla categorica richiesta del Premier Giuseppe Conte. Ed ecco il terzo sbarco a rate nell’arco di 36 ore. Toccano terra in 27 dopo 17 giorni di sballottamenti tra le onde e di rosolamento al sole sulla Nave Ong. Ora a bordo ne restano 107. Prima o poi – vedrete – scenderanno tutti.

Inutile dire che di fronte ai casini combinati e ora per Lui ingovernabili, di fronte alle inutili sofferenze che ha imposto e che sta continuando ad imporre ai naufraghi ostaggi sulla Open Arms, di fronte alla palese incapacità di gestire la crisi politica da Lui stesso provocata e di fronte alla manifesta incapacità politica, un uomo, un politico normale si sarebbe dimesso. Ma Lui non lo fa, non può dimettersi perché probabilmente si ritiene un Superuomo…

Un’altra figuraccia, insomma, si profila sul tema migranti per il Signor Ministro. E questa volta non potrà neanche sperare di potersi rifare con un Decreto Sicurezza Ter. Non potrà sperarvi in quanto sarà presto messo alle porte di Palazzo Chigi e del Viminale. E per Lui – Piffero di Montagna che andò per suonare e fu suonato – si chiuderà il sipario sulla stagione dei ricatti, dei capricci e delle pretese.

Una capitolazione – questa del “Pirlacchione” Salvini – nello stesso giorno in cui il Procuratore di Agrigento ha tra l’altro incaricato la Polizia Giudiziaria di ascoltare il Responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa, Francesco Cascio.

Medico dentista dai ricchi trascorsi politici nel Centrodestra siciliano, Cascio – in vacanza e quindi lontano da Lampedusa – ieri aveva dichiarato il soddisfacente stato di salute dei 13 migranti fatti sbarcare in due tranche per motivi sanitari su richiesta dei medici di bordo. Cascio aveva pronunciato la diagnosi per corrispondenza basandosi sui pareri dello staff sanitario presente sull’Isola. Un parere che comunque – seppure per poco – aveva fatto gongolare il Leader della Lega.

Per fare chiarezza sulle contraddittorie opinioni dei sanitari, la Procura ha ordinato una ispezione medica sulla nave. Staremo a vedere…

17/08/2019   h.19.00

 

 

 

 




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *