Breaking News

Rino Zurzolo “suona” Flou, l’omaggio a tre anni dalla scomparsa

Il fratello Marco, Gigi De Rienzo, Vittorio Riva, Lino Cannavacciuolo, Pino Tafuto eseguono a “distanza” il brano con Francesca Prattico batterista e video maker

Rino Zurzolo, uno dei contrabbassisti più talentuosi della musica ha lasciato un vuoto che nessuna nota può colmare e domani sono 3 anni che non c’è più. È andato via, così, senza clamore il 29 aprile del 2017, a soli 59 anni dopo aver lottato fino alla fine. Ha suonato fino agli ultimi giorni con la forza della musica. Con lo spirito di Pino Daniele con il quale è rimasto legato con profonda amicizia  e artisticamente fin da quando a 13 anni mise in piedi la sua prima formazione musicale “Batracomiomachia”.

Marco, uno dei suoi tre fratelli, anche lui musicista di razza, fine sassofonista, insieme Gigi De Rienzo, Vittorio Riva, Lino Cannavacciuolo e Pino Tafuto hanno pensato di omaggiare Rino con un suo brano, in uscita domani, dal titolo “Flou”. Ma sono toccanti le parole che accompagnano il brano e che lo ricordano in questi giorni difficili: “Il tempo passa e domani sono 3 anni che Rino è volato via  per seguire il suo amico del cuore Pino Daniele, altrimenti come avrebbe fatto senza contrabbasso a suonare Lazzari Felici…”.

Marco Zurzolo spiega: “Gigi De Rienzo, Vittorio Riva, Lino Cannavacciuolo, Pino Tafuto ed io abbiamo pensato di ricordarlo nell’unico modo che ci era possibile in questi giorni bui, eseguendo  a distanza questo suo brano Flou. Grazie al montaggio di Francesca Prattico (batterista, ma per l’occasione regista e montatrice del video) c’è con noi anche Rino, protagonista della band. Ringrazio questi miei e nostri preziosi amici per l’affetto dimostrato e per aver reso possibile far riecheggiare la musica di Rino ancora una volta per le vie antiche di questa nostra città”.

Ritornando alla strepitosa carriera di Rino, il 1977 è l’anno dell’esordio di Pino Daniele con Terra mia e Zurzolo è uno dei punti fermi della formazione “Neapolitan poker”. Che poi si ripete con Nero a metà, fino alla consacrazione del “dream team” Daniele, Zurzolo, Senese, De Piscopo, Esposito e Amoruso. Zurzolo ha continuato a lavorare con Pino Daniele partecipando a dischi di successo come Vai mo’, Musicante, Ferryboat e, più tardi, Medina.

Unanimemente considerato uno dei migliori contrabbassisti in circolazione, Zurzolo aveva accumulato esperienze artistiche in Italia e all’estero: l’elenco delle sue collaborazioni comprende Giorgio Gaber, Mia Martini, Giorgia, oltre a quelle con giganti del jazz come Don Cherry, Chet Baker, Billy Cobham, Bon Berg e tanti altri. Nel 1990 aveva pubblicato il suo primo solista, Fuorlovado, cui era seguito quattro anni dopo Rua catalana. Nel 1998 aveva inciso Alchimusa, mentre nel 2003 aveva pubblicato WunderKammer, un progetto a cavallo fra musica da camera e jazz.

CreditPhoto: RicPic | Riccardo Piccirillo

Loading Facebook Comments ...

leave a reply