Breaking News

Ritornano i grandi concerti a Napoli: i Foja si esibiscono per la XIII^ edizione del Napoli Teatro Festival Italia 

«Il teatro rinasce con te»: con questo claim riparte una nuova edizione del Napoli Teatro Festival Italia, la quarta diretta da Ruggero Cappuccio, nel segno del legame tra drammaturgia catalana e lingua napoletana, della musica e della storia del teatro.

La prima giornata del Festival si è conclusa ieri, mercoledì 1° luglio, con la musica dei Foja. In scena con “Miracoli e Rivoluzioni”, il gruppo napoletano, attingendo al proprio repertorio, ha indagato su tematiche legate alla sfera sentimentale e a questioni esistenziali e sociali, miscelando tradizione e modernità. Nella suggestiva cornice del cortile del Museo di Capodimonte, la band ha dato vita ad un vero e proprio concerto/spettacolo che, con grande orgoglio, ha rappresentato la ripartenza della cultura e dello spettacolo in Campania. Circa due ore di energico folk-rock, impreziosito con illuminazioni architetturali, momenti di performance aerea del collettivo Funa e ancora, pensieri presi in prestito da William Shakespeare, Hermann Hesse, Massimo Troisi, Ernesto Guevara. «Miracoli e Rivoluzioni sono due termini  – hanno spiegato i Foja – di cui oggi più che mai abbiamo bisogno per affrontare il futuro, due parole a cui aggrapparci. I Miracoli, come l’amore, vanno oltre la comprensione umana, hanno a che fare con il sovrannaturale. Le Rivoluzioni, interiori e non, invece richiedono l’intervento dell’uomo per trasformare gli eventi».

Quest’anno il NTFI ha inoltre aggiunto una novità: per andare incontro alla grande richiesta del pubblico, la Fondazione Campania dei Festival e la Regione Campania hanno utilizzato il web per consentire agli spettatori che non potranno prendere parte in presenza agli spettacoli di assistere a 13 eventi in live streaming sulla piattaforma Ecosistema digitale per la cultura della Regione Campania (cultura.regione.campania.it) e sui canali radio e video di CRC (Radio CRC Targato Italia e sul Canale 620 del Digitale Terrestre). Quattro di questi, il concerto di apertura dei Foja, “Ho ucciso i Beatles” di Stefano Valanzuolo con Sarah Jane Morris, Solis String Quartet (5 luglio ore 21.00), “La mistica del cosmo” di Raffaella Ambrosino (9 luglio ore 21.00) e il “Concerto tra scrittura e trascrittura” di Roberto De Simone (4 agosto ore 21.00), fanno parte anche di Estate all’Italiana Festival. Il progetto, nato dalla collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri – con la sua rete di Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura – e l‘Associazione ItaliaFestival, offre al pubblico internazionale l’accesso a oltre due mesi di programmazione di spettacoli di grandissima qualità dei principali Festival italiani, fruibili online in streaming e on demand gratuitamente in tutto il mondo sul sito Italiafestival.tv.

 

Oltre 100 eventi in programma già sold out

La manifestazione, che ha già registrato il “tutto esaurito”, proseguirà fino al 31 luglio 2020 con 130 eventi distribuiti in 19 diversi luoghi. Per garantire la sicurezza di tutti, personale e spettatori, il festival è stato ripensato completamente all’aperto. Fatta eccezione per il Teatro di San Carlo, tutti gli eventi si svolgeranno in tante splendide location di Napoli e della Campania, come il Teatro Naturale di Pietrelcina, il Duomo di Salerno, l’Anfiteatro Capuano di Santa Maria Capua Vetere e il Complesso Monumentale di Solofra. Quest’anno, Palazzo Reale – ormai storica casa del Festival – e gli ambienti esterni del Museo e Real Bosco di Capodimonte, rappresentano due sedi d’eccellenza. Con queste due istituzioni è stata infatti realizzata un’importante convenzione che consentirà agli spettatori del Festival di ricevere, per ogni spettacolo allestito a Palazzo Reale o al Museo e Real Bosco di Capodimonte, un biglietto omaggio per il relativo museo. Sarà possibile prenotare la visita fino al 31 agosto 2020 secondo le modalità indicate sul sito di Coopculture.

PhotoCredit: Serena Schettino

Loading Facebook Comments ...

leave a reply