Salvini va da Mattarella, apre al governo di unità senza Conte

98

Il leader leghista Matteo Salvini chiede al Quirinale elezioni anticipate

Il leader leghista Matteo Salvini ricevuto da Mattarella. “È complicato fare una campagna referendaria sul taglio dei parlamentari con intere zone in quarantena”. Il Pd respinge la sua proposta: “Mai al governo con i leghisti”. Conte: “Il governo è già unito”. “Noi vogliamo che l’Italia riparta. Con Conte non riparte”. Così Matteo Salvini ha risposto a chi gli chiedeva se la Lega è disponibile a un governo di solidarietà nazionale per l’emergenza economica causata dal coronavirus. Poco dopo l’ex ministro dell’Interno è stato ricevuto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al quale ieri aveva chiesto un incontro. “Io a vedere affondare l’Italia non ci sto”, ha continuato il leader del centrodestra. “La Lega c’è per accompagnare il Paese fuori dal pantano, accompagnare il Paese al voto”, ha sottolineato.

Una chiara presa di posizione a favore del governissimo e di un traghettatore di cui si parla nei palazzi della politica. Un passaggio che però prevede l’uscita di scena del presidente del Consiglio e del suo governo, appoggiandosi ai voti del centrodestra e ai tanti, anche tra i 5 Stelle, che “sono a disagio in questa situazione”. Pronta la replica di Giuseppe Conte: “Noi siamo un governo unito, lo siamo già”. Ma i tasselli dell’attacco vanno tutti al loro posto e Giorga Meloni dice di essere pronta a presentare la mozione di sfiducia contro l’esecutivo. “Prima si vota meglio è, siamo in grado di votare da qui a otto mesi? Probabile”, dice intanto Salvini. “Noi siamo disponibili a remare sulla scialuppa di salvataggio verso il voto”, spiega. E aggiunge che va da Mattarella per dire che “è complicato fare una campagna referendaria con intere zone in quarantena. È impraticabile”.

Pone anche il problema delle prossime elezioni regionali. E si chiede: “Ci sono sette elezioni regionali fino a maggio. Mi chiedo: saremo in grado di gestirle e accompagnarle?” Al capo dello Stato Salvini porta le “richieste della Lega al Quirinale perché siamo preoccupati per i danni economici, oltre che per quelli sanitari. Non vediamo prontezza e coerenza ma provo raccapriccio per qualcuno che apre inchieste contro i medici che stanno affrontando l’emergenza”. Alla fine dell’incontro il leader leghista fa sapere: “Abbiamo trovato nel presidente della Repubblica un interlocutore attento sul fatto che l’Italia debba riaprire tutto il possibile il prima possibile”. Il leader leghista precisa: “Non stiamo proponendo accordi a nessuno, neanche a Renzi che è già al governo”. E aggiunge : “Mai nella vita un governo organico con il Pd”.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *