Breaking News

Sciopero dei medici a Napoli, i “camici bianchi” incontrano De Luca: “Più impegno alla Conferenza Stato-Regioni”

“Siamo soddisfatti per l’apertura dimostrata dal governatore Vincenzo De Luca“.

Così l’intersindacale della dirigenza medica veterinaria e sanitaria dopo il confronto con il presidente della Regione Campania avvenuto questa mattina, a Napoli. Il “faccia a faccia” è andato in scena durante il sit-in che si è svolto davanti alla sede della giunta regionale in via Santa Lucia, dove centinaia di “camici bianchi” si sono dati appuntamento per protestare contro le politiche sanitarie messe in cantiere dal governo giallo-verde.

Al presidente De Luca i sindacati hanno chiesto, in particolare, un impegno forte sul tavolo conferenza Stato Regioni per il rinnovo del contratto nazionale, fermo da ben nove anni. E ancora: una forzatura sullo sblocco delle assunzioni, al fine di compensare, almeno in parte, l’emorragia di dirigenti medici, sanitari e veterinari avuta negli ultimi anni che si accentuerà ulteriormente ove passasse la quota 100; un forte intervento per dare sicurezza ai precari che “scadono” il 31 dicembre 2018 e che rischiano di andare a casa.

Sit-in di protesta dei dirigenti medici all’esterno del palazzo della Regione Campania ( Foto Ugo Amato)

“E se questo avvenisse il Servizio sanitario regionale collasserebbe”. Vincenzo De Luca, hanno sottolineato i sindacalisti, “nel riferire dell’incontro avuto ieri a Roma ha evidenziato di essere al fianco della categoria in quella che ha definito “una legittima battaglia”, assicurando che per il contratto si prodigherà sul tavolo della conferenza Stato Regioni”. “Ci ha rassicurati sull’approvazione del Piano ospedaliero che ritiene si realizzerà entro dicembre, aprendo così alla stabilizzazione degli altri precari.

Anche su questo il governatore ha assicurato che solleciterà, personalmente, i direttori generali affinché realizzino le procedure di stabilizzazione. Ultimo impegno, quello di procedere ad un ulteriore piano di assunzione di personale al fine di limitare il pensionamento già avuto e che è in itinere”.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply