SCONTRI IN ALBANIA, OPPOSIZIONE ANCORA IN PIAZZA A TIRANA

165

Opposizione in piazza, bottiglie incendiarie contro la sede del governo 

Incidenti ieri sera a Tirana, capitale dell’Albania,  dove l’opposizione albanese di centrodestra guidata da Lulzim Basha è scesa nuovamente in piazza per chiedere le dimissioni del premier socialista Edi Rama e la formazione di un governo transitorio che prepari le elezioni anticipate. Bottiglie incendiarie, sacche d’inchiostro e fumogeni sono stati lanciati dai manifestanti contro le sedi del governo e quella del parlamento, che si trova di fronte.  Circa 1500 agenti sono mobilitati per la manifestazione di oggi. L’intera area attorno al palazzo del governo è recintata, mentre un cordone della polizia si è schierato davanti all’entrata principale dell’edificio, il cui portone è stato “blindato” con piastre metalliche al posto dei vetri. La protesta di questa sera è la dodicesima organizzata dall’opposizione dallo scorso febbraio dopo la sua decisione di abbandonare il parlamento rinunciando ai mandati dei propri deputati. Anche nelle scorse manifestazioni si sono registrati scontri con la polizia, la quale ha fatto uso di gas lacrimogeni e idranti per disperedere la folla. Ieri l’ambasciata statunitense a Tirana ha invitato i sostenitori dell’opposizione a “rifiutare la violenza durante la protesta”. I vari appelli della comunità internazionali al dialogo fra le parti sono caduti nel nulla. L’opposizione ha deciso di boicottare anche le amministrative del prossimo 30 giugno, minacciando di non consentire il loro svolgimento. “Non potrà mai esserci un processo di voto senza l’opposizione”, ha sottolineato Basha. Da parte sua la maggioranza non ha dato nessun segnale di retromarcia. “Le elezioni saranno svolte nella data prestabilita e i cittadini voteranno per i loro futuri sindaci”, ha più volte ribadito Rama, il cui partito oggi ha concluso anche la compilazione della lista dei propri candidati. 

Lo scorso 18 febbraio, il gruppo parlamentare del Partito democratico, principale formazione dell’opposizione albanese di centro-destra guidata da Lulzim Basha, presentò le dimissioni. La decisione fu presa all’unanimità dai 43 deputati democratici, che hanno cosi accolto la proposta avanzata ieri sera da Basha. Il Parlamento albanese è composto di 140 seggi. La mossa “è a sostegno di una soluzione politica per un governo transitorio, il quale dovrebbe intraprendere i necessari passi per garantire elezioni anticipate in rispetto agli standard internazionali”, ha spiegato Basha al termine di una lunga riunione del suo gruppo parlamentare.

 




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *