SONDAGGI, LA LEGA PERDE IL 2% E LA MELONI SCAVALCA SALVINI

63

Fiducia nel governo, il partito della Meloni recupera sulla Lega

I dati di Ixè per Cartabianca parlano chiaro: la Lega  scende al 29,5% pur restando primo partito. E quello che perde è recuperato dagli alleati: Fdi vicino all’11. Indecisi e potenziali astenuti diminuiscono lievemente ma sono ancora la maggioranza relativa: 35,5% dell’elettorato. In termini di fiducia Conte (40%) prevale sugli altri leader politici, Renzi è ultimo. La Lega perde terreno, totalizzando un calo di tre punti in due mesi anche se con il 29,5% rimane primo partito. Giorgia Meloni però sorpassa Matteo Salvini nella classifica della fiducia degli elettori, ancora guidata dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il primo sondaggio del 2020 dell’istituto Ixè per CartaBianca di Rai3 vede un po’ di novità soprattutto nel campo dell’opposizione. Resta invece lo scetticismo nei confronti del governo che raccoglie solo il 34 per cento di fiducia (in calo di 3 punti rispetto a un mese fa).

Il 63 per cento ha poca o nessuna fiducia nell’esecutivo (uno su 4 risponde nessuna, ma è anche vero che si può sovrapporre allo zoccolo duro dell’elettorato del centrodestra). Tra gli altri dati significativi 6 elettori su dieci, per esempio, pensano ora che una scissione del Movimento 5 Stelle sarà inevitabile. Continua a flettere il Carroccio, che rispetto alla stima di metà novembre (32,6%) ha ceduto oltre 3 punti percentuali (ora al 29,5%). Il partito di Salvini mantiene comunque la posizione di testa e i punti ceduti in questi mesi sono sostanzialmente rimasti nell’alveo del centrodestra, che nel complesso raccoglie quasi la metà dei votanti. Rientra lievemente, sottolinea l’Osservatorio politico di Ixè, la quota di indecisione e potenziale astensione, che comunque comprende il 35,5% dell’elettorato restando quindi l’opzione più frequente tra gli intervistati.

Più precisamente la Lega abbandona l’orizzonte del 30 per cento e si attesta al 29,5. A seguire il Pd, anch’esso in leggera flessione, con il 20. La terza forza politica è il M5s che in questi 20 giorni riesce almeno a riprendere la tendenza positiva (sia pure con un incremento lieve). A beneficiare dell’exploit personale della Meloni è il suo partito: Fratelli d’Italia si avvicina all’11 per cento (10,7). Riprende ossigeno anche Forza Italia, al 7,3 (+0,3). In questi ultimi due casi appare chiaro che ciò che perde la Lega viene recuperato dagli alleati di centrodestra. Per Ixè Italia Viva di Matteo Renzi continua a non superare il 3,6, mentre la Sinistra scende di poco, al 3. Poi ci sono i partiti che sarebbero fuori dal Parlamento, se si votasse oggi, qualsiasi sia la legge elettorale: +Europa al 2,3, Europa Verde all’1,3, Azione di Carlo Calenda all’1,3, Cambiamo! di Giovanni Toti all’1.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *