STRAGE AL CONCERTO DI “SFERA”, 6 MORTI PER SPRAY URTICANTE.

182

Incubo in discoteca a Corinaldo (Ancona),  panico e ressa provocato dallo spray.

Tragedia in provincia di Ancona dove sei persone sono morte, schiacciate dalla folla nel panico in una discoteca durante un concerto rapper “Sfera Ebbasta” al “Lanterna Azzurra” di Corinaldo – che ospitava il concerto del rapper Sfera Ebbasta forse l’utilizzo di uno spray urticante. A darne notizia, i vigili del fuoco sul profilo Twitter: “Corinaldo (AN) 1:00, squadre #vigilidelfuoco impegnate nel soccorso in una discoteca. Forse per la dispersione di una sostanza urticante, ragazzi fuggono per il panico calpestandosi. Sei purtroppo quelli deceduti, decine i feriti”, si legge. A morire nella calca, tre ragazze e due ragazzi – tutti minorenni – e una mamma che aveva accompagnato la figlia al concerto. Almeno un migliaio le persone presenti nel locale al momento del drammatico incidente, prima dell’inizio del concerto. Un centinaio, invece, i feriti nel drammatico incidente.

Dai primi accertamenti, è emerso che le uscite di sicurezza del locale – posto ora sotto sequestro – si sono regolarmente aperte. Le morti sarebbero state causate dal cedimento di due muretti all’esterno del locale sotto la pressione delle persone in fuga, cedimento che ha provocato la caduta di alcuni spettatori e il loro schiacciamento da parte degli altri che gli sono passati sopra. “Stiamo verificando con i vigili del fuoco la capienza della discoteca e se le dotazioni erano adeguate per poter ospitare questo tipo di manifestazioni”, spiega all’Adnkronos il comandante provinciale dei carabinieri di Ancona Cristian Carrozza,  ricostruendo la dinamica dell’incidente: “Tra le varie ipotesi di causa scatenante – dice – c’è anche quella dello spray urticante, stiamo facendo i rilievi. I ragazzi sono fuggiti in un’unica direzione verso la porta posteriore di sicurezza della discoteca; c’erano scale e ringhiere alte un metro e mezzo che hanno ceduto sotto il peso dei ragazzi”.




Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *