Breaking News

Tursimo, itinerari esperenziali tra cultura e cinema

Al consumatore non basta più fare il turista. Vuol essere un “residente temporaneo” dei luoghi che visita: vivere un’esperienza o, perché no, un sogno legato all’essenza del territorio. BIT 2021, a fieramilanocity dal 7 al 9 febbraio, si annuncia una piattaforma per promuovere e vivere in anteprima le nuove forme di turismo esperienziale e, non a caso, il tema di questa edizione sarà Stepinto a newjourney.

 

BIT Experience, in particolare, sarà l’area dedicata alle nuove proposte di vacanza legate alla natura, allo slow tourism, al turismo enogastronomico e ai percorsi tematici in generale e la sezione BIT travel inspiration presenterà le destinazioni in una chiave esperienziale, che risponde a queste nuove richieste dei viaggiatori. Ma quali sono le tendenze e le destinazioni più trendy per chi vuole viaggiare sulle orme del proprio film o serie favoriti? Nelle Marche, da alcuni anni suscitano un rinnovato interesse i luoghi di Leopardi grazie al successo de Il Giovane Favoloso, l’opera del 2014 in cui il poeta da giovane era magistralmente interpretato da Elio Germano.

 

Un interesse confermato dagli eventi per il bicentenario della stesura de L’Infinito, caduto nel 2019. Sempre molto attiva su questo fronte la Puglia. C’è già grande curiosità su quali saranno le location, tra Bari, Monopoli e Fasano, di Lolita Lobosco, la nuova fiction Rai tratta dai racconti tra il folkloristico e il poliziesco di Gabriella Genisi e interpretata da Luisa Ranieri, per la regìa di Luca Miniero. Tra i produttori anche Luca Zingaretti. Una di esse sarà Pane e Pomodoro, una delle più belle e amate spiagge baresi. Bari, Polignano, Monopoli, Otranto, Castro, Santa Cesarea Terme, Conversano, Porto Badisco, Serranosono invece le location del nuovo lavoro di Carlo Verdone, Si vive una voltasola, mentre per il nuovo film Viaggio a sorpresa, prodotto da e con Ronn Moss(l’ex Ridge Forrester della soap opera Beautiful), oltre a Lino Banfi e Paolo Sassanelli, vedremo Fasano, Alberobello, Cisternino, Martina Franca e Monopoli.

 

Nella vicina Basilicata è anche grazie al cinema, da Pasolini a Mel Gibson, che è cominciata la rinascita di Matera culminata con la consacrazione a capitale europea della cultura nel 2019. E non è ancora finita: il gioiello rupestre lucano sarà anche protagonista del prossimo 007, No time to die, ed è già caccia a identificare le strade dove James Bond corre con la sua mitica Aston Martin. Ancora più a Sud, in Sicilia, continua il successo dei luoghi di Montalbanoche hanno rilanciato non solo il mare di Puntasecca con la leggendaria casa sulla spiaggia del commissario, ma tutta la Val di Noto con il suo meraviglioso barocco.

 

Al Sud, un viaggio attraverso i luoghi del cinema non può prescindere da Napoli, resa unica da icone come Totò, i De Filippo, Sofia Loren, Massimo Troisi escelta dai più grandi registi per ambientarvi le loro storie. Da Paolo Sorrentino, a Mario Martone a FerzanÖzpetek e, andando a ritroso, Vittorio De Sica, Dino Risi, Francesco Rosi, Lina Wertmüller, solo per fare alcuni nomi: non c’è angolo della città che non sia stato ripreso da una cinepresa. Risalendo la penisola, il Lazio è da sempre meta di visitatori che scelgono di visitare le bellezze di Roma- dove proprio in questi giorni è in corso la Festa del Cinema – con un’ottica diversa, ad esempio lungo i percorsi dove sfrecciano in Vespa Gregory Peck e Audrey Hepburn in Vacanze Romane oppure alla ricerca dei luoghi originali di capolavori del neorealismo come Roma città aperta o Ladri di biciclette.

 

L’ultima tendenza è anticipare l’uscita di un film: in queste settimane, il prossimo Mission Impossible 7 con Tom Cruise, che si cimenta in inseguimenti, distruzioni di auto e perfino furti (simulati) di moto della polizia tra Colosseo, Fori Imperiali e Via Nazionale. L’appeal di George Clooney tuttora richiama turisti sul Lago di Como e ritorna l’attenzione verso i luoghi di quello che per un’agguerrita comunità di fan è ormai un film culto, come Call Me by Your Namedi Luca Guadagnino- che aveva già puntato i riflettori su Milano in Io sono l’amore – a Crema e Bergamo. A Crema, in particolare, già pochi mesi dopo l’uscita in sala l’atmosfera anni Ottanta un po’ nostalgica del film aveva portato a un boom inaspettato di visitatori: nei primi sette mesi del 2018, avevano raggiunto quota 7.000, superando il totale del 2017, pari a 6.335, tanto da dedicare ai cineturisti nuovi servizi, tra cui una nuova audioguida alla città e dintorni e un servizio di noleggio di biciclette e tandem. Il cinema, dunque, si conferma un insostituibile strumento di promozione turistica.

 

Oggi in Italia esiste uno strumento per conoscere i luoghi dei nostri film e serie preferite: è il portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione cinematografica e audiovisiva Italy for Movies (www.italyformovies.it), coordinato dalla Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Mibact e gestito operativamente da Istituto Luce-Cinecittà in collaborazione con le Film Commission italiane. Attraverso schede in cui si descrivono i luoghi dei film e ITINERARI tematici, il portale, e la sua app, forniscono spunti per viaggi attraverso i luoghi più iconici del cinema.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply