Breaking News

UNIVERSIADI, SARA ITALIA CONTRO GIAPPONE PER GLI SPORT DI SQUADRA

Lo scontro tra Italia e atleti del Sol Levante si ripeterà 6 volte tra il 3 e il 14 luglio

Sfida Italia-Giappone negli sport di squadra alle Universiadi di Napoli. Per una strana coincidenza, infatti, dalle urne dei sorteggi che si sono svolti giovedì alla Stazione marittima di Napoli, lo scontro tra gli azzurri e gli atleti del Sol Levante si ripeterà sei volte tra il 3 e il 14 luglio su otto tornei complessivi. Le squadre delle due nazioni si incroceranno nei tornei di pallanuoto maschile, pallavolo maschile e femminile, rugby “a sette” maschile e femminile e calcio femminile. In molti casi le due Nazionali saranno avversarie dirette per la qualificazione al turno successivo, in altri gli azzurri, almeno sulla carta, non dovrebbero avere particolari problemi anche se sono innegabili i progressi registrati dai team giapponese che stanno intensificando la preparazione in vista di Tokio 2020. Riflettori puntati sui tornei di volley dove la concorrenza è particolarmente serrata e l’incrocio tra le due rappresentative risulterà probabilmente decisivo nel cammino verso il podio. Tra i maschi l’Italia è stata sorteggiata in un girone che comprende, oltre al Giappone, anche Messico, Svizzera e soprattutto Argentina; ne passeranno due soltanto. Stesso discorso tra le donne. Le azzurre hanno pescato statunitensi, svizzere e giapponesi. Una grande resterà al palo. E se nella pallanuoto, nel girone di ferro in cui è incappata l’Italia (con Ungheria, Croazia e Australia), il Giappone è destinato al ruolo di sparring partner, occhio ai tornei di Rugby a Sette dove le selezioni nipponiche sono considerate dagli addetti ai lavori autentiche mine vaganti. Italia – Giappone anche nel torneo di calcio femminile. Inserite nell’urna con le favorite statunitensi, le due nazionali si contenderanno l’accesso ai quarti. Quattro i precedenti: Italia sempre vittoriosa.

La delegazione che ha fatto sopralluoghi giovedì scorso è partita dala welcome area all’aeroporto di Capodichino. Al PalaCasoria, invece, saranno in programma le gare di taekwondo e la situazione è abbastanza avanzata tanto che a fine mese potrebbero già essere terminati i lavori. Ha bisogno di più tempo il restyling della piscina dedicata alla pallanuoto (le gare saranno in programma pure a Caserta). Bisognerà ristrutturare gli spogliatoi, allestire un’area vip e mettere un tabellone nuovo. Gli interventi più massicci, invece, sono quelli del PalaVesuvio di Ponticelli, rimasto chiuso a lungo. Le palestre per il riscaldamento sono quasi ultimate, quella principale per la ginnastica ritmica ancora no e quindi bisognerà accelerare i tempi. Le Universiadi sono anche calcio: sopralluogo anche allo stadio Arechi di Salerno che è praticamente pronto. I lavori, invece, sono in corso a Caserta, Nocera, Cava e Pagani e si terminerà a maggio: ieri ci sono stati i sopralluoghi dei delegati Fisu assieme ai due responsabili Gigi Cassano e Stefano Caira. In giornata sono in calendario visite ad Avellino (Pala del Mauro), Eboli (Pala Sele), Caserta (alla Reggia), all’ex area Nato di Agnano, al Palatrincone di Pozzuoli e al campo di tiro a segno di Cavalleggeri. L’organizzazione, intanto, ha comunicato i prezzi: il costo dei biglietti per le gare di qualificazione è di 3 euro, per le finali 5. Previsto anche un pacchetto famiglia ad 11 euro. La fiaccola delle Universiadi sarà benedetta da Papa Francesco: il percorso prevede, infatti, la presenza a Roma (dal 14 al 16 giugno), poi Matera, Avellino, Benevento, Caserta, Benevento, Salerno e Napoli.

Loading Facebook Comments ...

leave a reply